aggiornamenti.htm album_photo.htm allevamento.htm dove_siamo.htm favoriti.htm fotoamici.htm gare_2004.htm gare_2005.htm gare_2006.htm gare_2007.htm gare_2008.htm gare_2009.htm gare_2010.htm i_migliori.htm index.html interessi.htm notizie_varie.htm racconti.htm file:///C:/Documents and Settings/home/Desktop/Smanjene slike/111aaa.JPG file:///C:/Documents and Settings/home/Desktop/Smanjene slike/DSCN0709vvvv.JPG file:///C:/Documents and Settings/home/Desktop/Smanjene slike/DSCN0772hhhh.JPG

 

 

NOTIZIE  VARIE

foto55.jpg (29737 byte)

(clicca le foto per ingrandirle)

UMBRA di S.pellegrino dopo un turno.

In data 27 marzo 2001, al termine delle prove a grande cerca svoltesi a Varazdin in Croazia da sabato 24 a martedì 27 marzo c.a., è stata definitivamente ritirata dalle competizioni UMBRA di S.Pellegrino che ha chiuso in bellezza con un CQN ed una riserva di CAC. D'ora in poi, daccordo con Mocchi che ne è il proprietario, la cagna verrà a vivere a casa mia dove è nata il 13 luglio 1995, con il seguente programma: la prima cucciolata avrà l'affisso " di Groppo" ed avrà come stallone Hardy, dopodichè Angelo me la regalerà e le successive cucciolate porteranno l'affisso di "S.Pellegrino". Un gesto da vero Signore, ma su questo non c'erano dubbi. Un ritiro triste e lieto contemporaneamente. Tanto più triste quanto più bella è stata la carriera di UMBRA che ha allietato e fatto gioire il proprietario Mocchi,  l'addestratore Girandola ed il sottoscritto con brillanti e numerosi risultati. Tuttavia lieta, perchè abbiamo gia incominciato a pensare al futuro, ai probabili stalloni, alle future cucciolate e sognamo una UMBRA altrettanto brava e fortunata come fattrice così come lo è stata da atleta. Il mio dubbio e la mia speranza: riuscire a produrre qualcosa di meglio. Io, Mocchi, Girandola ed UMBRA ci crediamo.

AL DERBY 2001 CON I SAN PELLEGRINO

foto59.jpg (6940 byte)  foto58.jpg (11641 byte)  foto60.jpg (5765 byte)

ATOM di S.Pellegrino pronto a partire mentre la Giuria prende posizione - 2)   Il proprietario di ATOM  Parpaiola con il proprietario di OLIVE  Macchiavelli in primo piano - 3) ATOM in piena azione.

Al DERBY del 2001 hanno partecipato tre soggetti di questo Allevamento, tutti fratelli (figli di HARDY  du Bois des Perches X ULLA di S.Pellegrino): ATOM, ADA ed AMBRA. Le due femmine nella batteria n.1 ed il maschio nella batteria n.2. Descrivo prima la prova delle due sorelle in quanto le ho presentate personalmente. Incomincia ADA: parte male, sospettosa e turbata dalle numerose emanazioni del particolare terreno del Mezzano sul quale non aveva mai messo piede prima. Ferma, riparte, ferma ancora un'allodola, poi se ne va in profondità rincorrendo una coppia di anatre involatesi, per conto loro, da molto lontano, sorda al mio richiamo. Alzo la mano per segnalare alla Giuria che la ritiro, quando erano passati forse un paio di minuti. Viene recuperata dopo mezz'ora da uno spettatore. Una figuraccia. Nel frattempo ATOM corre nell'altra batteria e le notizie che mi giungono via telefono sono entusiasmanti: turno fantastico, con aperture quasi all'infinito, ottimo il  movimento, il portamento di testa ed il collegamento con il conduttore Girandola. Nonostante il turno venga prolungato, probabilmente per farlo incontrare, ciò non accade e viene richiamato per il giorno successivo. Tutto questo mi è stato poi ribadito da uno dei componenti la Giuria mentre si complimentava con il proprietario Parpaiola e con me per le qualità messe in mostra da ATOM. Arriva l'ora di AMBRA: parte decisa sulla destra con  una ampiezza da grande mentalità. Il movimento lo conosco bene (mentre non conoscevo quello di ATOM perchè non lo vedevo dall'età di due mesi): elegante, potente e nevrile accompagnato da un ottimo portamento di testa. Su invito del Dott.Zironi, Presidente di Giuria, fischio e la cagna prontamente ritorna, ma poi invece di lanciarsi sulla sinistra, ritorna ripetutamente a destra sorda ai miei inviti. Finalmente mi ascolta e viene verso di me, incrocia una lepre, la guarda con sorpresa (è la prima che vede) e si lascia convincere dal mio fischio a non inseguirla. E' andata bene! Sulla sua strada c'è un largo fossato che la cagna salta  senza esitazione e si butta decisamente sulla sinistra per allargare fino alla strada principale, lontanissima. Ritorna decisa, riattraversa il fossato e si getta nuovamente a destra, ma il turno è finito e Zironi mi invita a richiamare la cagna ed a legarla, cosa che AMBRA fa sollecitamente. Mi è piaciuta tantissimo al punto da sperare che venisse richiamata per il giorno dopo, anche se, onestamente, dovevo riconoscere che la prima metà del turno si è svolto prevalentemente sulla destra nonostante i miei richiami, il chè poteva essere penalizzante. Come poi in effetti è stato. Peccato! Il mattino seguente, libero ahimè da impegni, vado a seguire i richiami della batteria di ATOM. E' il primo. Si lancia benissimo sulla destra e percorre alla grande due riquadri di terreno, separati da un ampio fossato, fino quasi a scomparire, poi ritorna e si getta sulla sinistra saltando con decisione l'ennesimo canale, passandomi davanti e facendosi finalmente ammirare in tutta la sua eleganza e potenza. Sono un po' commosso, ma non si vede. Nel ritornare, proprio mentre passa davanti alla Giuria, parte una coppia di starne. Un'imprecazione corale si alza dal pubblico e Girandola lega il cane lasciando immaginare dalla sua espressione quale angoscia ed amarezza  abbia nel cuore. Ma la Giuria si riunisce e decide di far continuare il turno. Il cane riparte e continua per altri sette/otto minuti a macinare terreno senza una sbavatura od un rallentamento finchè ferma, ma dopo aver tenuto tutto il pubblico con il fiato sospeso, fa qualche passo e fa volare la coppia. Questa volta la frittata la si deve proprio ingoiare ed è amarissima. Restano i complimenti e gli apprezzamenti di giudici e spettatori e la consapevolezza di essere davanti ad un cane di grandissimi mezzi che, ne sono certo, gli permetteranno di fare una brillante carriera.

MUTINENSI'S OLIVE vincitrice del DERBY 2001

Pubblico questa mia fotografia, che ritengo unica per la sua istantaneità, per rendere onore a Mutinensis OLIVE, al suo proprietario Macchiavelli, all'addestratore Girandola ed agli allevatori Monti e Zurlini. Quella che si invola è la starna della vittoria.

ZORA DI SAN PELLEGRINO

zora1.jpg (246309 byte)

In data 11 aprile alle nove del mattino, Ezio Casagrande, proprietario di ZORA di S.Pellegrino, mi ha chiesto se accettavo in regalo la pointer. Sorpreso, gli ho chiesto per quale motivo volesse regalarmela e mi ha risposto che molte erano le ragioni che lo avevano spinto a questa decisione, per me incredibile: complessivamente il mondo cinofilo lo aveva deluso perchè non era quello che  sperava e voleva che fosse. Senza scendere nei dettagli, un rigetto verso tutto quello che è cinofilia agonistica. La conversazione è stata lunga ed a tratti animata, ma irremovibile la decisione, evidentemente presa in un momento di particolare avvilimento, ma sicuramente maturata nel tempo. La scelta del sottoscritto, quale destinatario di ZORA, è stata presa in quanto ha ritenuto che la cagna fosse giusto ritornasse all'allevatore che con lui aveva avuto, e tuttora ha, un rapporto disinteressato e sincero. Non ha scelto altri amici,sicuramente molto più importanti di me, per non fare torto a chi rimaneva escluso dall'incredibile regalo. Nel doloroso rammarico per il suo ritiro che, sono sicuro, sarà temporaneo, non posso che ringraziarlo per avermi privilegiato rassicurandolo che sarà mia premura continuare nel mandare avanti quel programma sul quale da tempo facevamo progetti. Questo gesto tuttavia dovrebbe fare riflettere e se il suo fine doveva servire a smuovere un poco le acque, spero proprio che raggiunga lo scopo. Comunque, grazie ancora Ezio per il particolare riguardo riservatomi come amico e come allevatore.

ZORA di San Pellegrino con Ezio Casagrande, i primi a sinistra, nella primavera del 2000, in Francia, dove rappresentavano, come prima riserva,la squadra italiana selezionata da Oscar Monaco per il Campionato d'Europa Pointer, Campionato vinto poi da Milord di Groppo per i maschi e dalla sorella Milady di Groppo per le femmine

MILORD di Groppo (Campione Italiano, Internazionale ed Europeo trialer) gravemente infortunato

Pochi giorni fa Angelo Mocchi, con un nodo di commozione alla gola, mi ha telefonato per dirmi che il suo MILORD, mentre stava allenandosi a Groppo, ha accidentalmente messo un piede in una crepa del terreno riportando una gravissima frattuta al ginocchio sinistro. Da un primo esame effettuato nella clinica veterinaria "Tibaldi", l'infortunio sembrava gravissimo tanto da mettere in dubbio la possibile futura ripresa dell'attività motoria del cane e non solo. L'intervento chirurgico, invece, fatto dal Dott.FRATI, Direttore della Clinica, sotto la supervisione del Prof.MORTELLARO, è perfettamente riuscito ed il fatto che questa mattina Milord abbia incominciato a fare uso dell'arto infortunato, ha fatto emettere una diagnosi addirittura ottimistica circa la futura ripresa venatoria del cane.. Milord appartiene a Mocchi, ma è un patrimonio genetico di tutti e quindi tutti dobbiamo essere estremamente grati ai due medici che  lo hanno salvato, restituendolo alla cinofilia (speriamo anche agonistica) ed alla riproduzione. Bravi e complimenti ad Angelo.

PASQUARIELLO AGOSTINO

In data odierna, 1° giugno 2001, ho saputo dallo stesso Pasquariello, caro amico e mio concittadino, che riprenderà ad allenare cuccioloni suoi e di altri,  attività che aveva dovuto interrompere per motivi di salute. Ne sono veramente felice e gli auguro buon lavoro e buonissima salute almeno fino a centanni. Evviva il lupo!.

13 Settembre 2001: ALMANACCO DEL POINTER "EUROPEO". Entro il 2001 uscirà l'Almanacco di Carlo Gabrielli. Coloro che hanno interesse personale a far sì che i loro pointers appaiano nella vastissima pubblicazione alla quale l'amico Carlo si dedica da anni con passione e con la conosciuta competenza, devono sollecitamente inviare allo stesso tutto il materiale necessario, come: foto, copie dei certificati, copia del libretto delle qualifiche, ecc. La sollecitazione la rivolgo a tutti gli appasionati del pointer di tutta Europa. Più vasta sarà la partecipazione, più grande e completo sarà l'almanacco nell'interesse di tutti gli estimatori di questo cane.

Carlo Gabrielli autore dell'Almanacco del Setter Inglese sta portando a termine (presumibilmente fine anno 2001) L'Almanacco del Pointer Inglese "Europeo" dagli albori 1900 fino ai nostri giorni 2000 compreso

Possono entrare di diritto nelle schede dell'Almanacco tutti i soggetti, Italiani e Stranieri, Campioni di Lavoro o di Bellezza proclamati dal 1900 al 2000 e tutti coloro che abbiano conseguito, come qualifica, almeno un CAC nelle varie note di concorso. Per i soggetti stranieri, non potendo inserirli tutti, si dà più merito ai soggetti da lavoro. Su un totale di 10.000 soggetti inseriti nel computer, sono già quasi pronte 1.700 schede monografiche che riportano tutti i dati del soggetto in esame. Per contribuire all'interesse ed all'accuratezza dell'opera l'autore avrebbe bisogno dell'aiuto di tutti gli appassionati ed in special modo gli occorrerebbero di ciascun soggetto: 1 - Fotocopia del certificato d'iscrizione all'Ente Cinofilo di appartenenza (LOI - LOF - LOE - LOSH, ecc.). 2 - Fotocopia del libretto delle qualifiche. 3 - Fotografia del soggetto (in primo piano). 4 - Relazione con pregi e difetti (all'inglese) scritta dal proprietario. 5 - Il nome del conduttore od eventuali conduttori. 6 - Riportare se ha partecipato a qualche manifestazione internazionale.

Sarà cura del sottoscritto restituire a chi lo volesse il materiale perfettamente integro. La documentazione dovrà essere mandata al Sig.:

Carlo Gabrielli via Lorenzo Lotto, 31 62011 Cingoli (MC) Tel. e Fax: 0733 - 602139 E-Mail: almanacco.gabrielli@libero.it

2 Novembre 2001 - E' in fase di preparazione la documentazione necessaria per richiedere un secondo "AFFISSO" che procederà parallelamente al "S.PELLEGRINO" con l'unico e comune scopo di produrre buoni cani e si chiamerà, forse, "FERRARI'S". La decisione è stata presa di comune accordo fra Di Stadio ed il sottoscritto per evitare complicazioni di ordine burocratico ed amministrativo. Ad avvenuta autorizzazione, comunicherò il nome delle fattrici che passeranno al nuovo Affisso. Verrà utilizzato lo stesso indirizzo e-mail e lo stesso sito WEB.

Ottobre 2001 - Polonia - Grande Cerca - risultati e relazioni dei San Pellegrino:

ZORA di San Pellegrino - Prop. LONGHI Giosue' - Cond. Girandola

- 03/10/2001: LIBERA mista - Giudici:Crudeli-Gardini-Nobile - 2° ECCELLENTE - manca relazione

- 07/10/2001: Mista FEMMINE -Giudici: La Vallaz-Gaggi-Monaco - 1°ECC.CAC - relazione: "Nella grande nota. Un arresto senza esito. Richiamata, conferma la prestazione precedente e si aggiudica un grande punto. Corretta".

- 14/10/2001: LIBERA Mista - Giudici: Berlingozzi-Monaco-Pacioni - 1°ECC.CAC/CACIT (dopo spareggio con Nero-Scipioni e Beethoven -Traina) - manca relazione -

- 15/10/2001: LIBERA Mista - Giudici: Balducci-Coti Zelati-Pacioni - ECCELLENTE - manca relazione -

- 16/10/2001: Mista FEMMINE - Giudici:Falletti-Frangini-Monaco - 1°ECC.CAC - manca relazione -

- 19/10/2001: LIBERA Mista - Giudici: Ambrosino-Berlingozzi-Frangini -2°ECCELLENTE - manca relazione -

                   (le relazioni mancanti verranno riportate non appena in mio possesso)

ATOM di San Pellegrino - Prop.PARPAIOLA Luigi - Cond.Girandola

- 08/10/2001: GIOVANI Mista - Giudici: Ronchi-Gaggi-La Vallaz - Bello il galoppo e il portamento - ha già spiccata personalità, affronta bene il terreno e le difficoltà - Fila e blocca in bella espressione starne lunghe - deve 4' - Nel completamento purtroppo lascia starne sul terreno in posizione utile.

- 10/10/2001: GIOVANI Mista - Giudici: Dellatorre-La Vallaz-Zurlini - C.Q.N. - relazione:"Soggetto di gran classe. Maturo sul terreno. Esprime la massima nota. Prende punto in eccellente stile di razza. Starne messe in volo dal compagno e riprende la cerca".

- 12/10/2001: GIOVANI Mista - Giudici: Zacco-Ronchi-Geminiani - Buon galoppo e portamento - Grande nota - non incontra - nel richiamo sfrulla starne -

                                                    22 DICEMBRE 2001: A U G U R I

Al DERBY 2002 parteciperanno tre fratelli San Pellegrino nati da Ada di San Pellegrino e dal Camp.It.Int. di Lavoro Zac di San Pellegrino e precisamente: BARBA ( di proprietà del Sig.Longhi Gjosuè) e BITTER (di proprietà del Sig:Carbone Angelo) condotti da Girandola Stefano e BURRASCA (di proprietà del Sig.Casagrande Ezio) condotta da Balugani Claudio. Io parteciperò con ZUMI del Volturno che verrà condotta da Pasquariello Agostino.

ATOM di San Pellegrino, condotto da Girandola, il giorno 14 Febbraio 2002, nelle prove a Grande Cerca svoltesi in Spagna, ha ottenuto la qualifica di 1° ECC.CAC. mentre la mattina successiva, nel "barrage" a tre, si imponeva nettamente aggiudicandosi il CACIT. Le relazioni del Sig.Roversi, Presidente della triade giudicante la prova, e del Sig.Dellatorre, Presidente della triade giudicante il barrage, sono state eclatanti e le trascriverò non appena sarò in possesso dei testi originali. Io ero presente e vi assicuro che ci ho messo alcuni minuti per liberarmi  del nodo di commozione che mi ha preso alla gola.

Ieri, 9 Marzo 2002, mentre tornavo da Varazdin dove avevo assistito a due giornate di prove a grande cerca, ho ricevuto una telefonata con la quale mi si avvertiva che ZORA di San Pellegrino e ATOM di San Pellegrino erano stati scelti dal selezionatore della squadra che parteciperà ai prossimi CAMPIONATI D'EUROPA POINTERS in Francia, Signor Franco Malnati,  a difendere i colori italiani. Ringrazio sentitamente  il caro amico Franco per la fiducia riposta in questo piccolo allevamento ed auguro a Lui, ai due cani ed al loro conduttore Stefano Girandola  tutta la fortuna che meritano, sicuro che sapranno farsi onore assieme a tutta la squadra italiana.

I turni del prossimo DERBY:

   Venerdì 15/03/02    = BARBA di S.Pellegrino             - turno n°18/2^ batt. - Cond.Girandola

    Sabato 16/03/02    = BITTER di S.Pellegrino             - turno n°42/2^ batt. - Cond.Girandola

                                = BURRASCA di S.Pellegrino      - turno n°50/1^ batt. - Cond.Balugani

                                = ZUMI del Volturno                     - turno n°79/1^ batt: - Cond. Pasquariello

 Al Derby i miei cani hanno partecipato con onore, ma nessuno si è classificato.

 

Nel Campionato Europeo riservato ai Pointers, svoltosi a CORBEILLES (FR) nei giorni 21 e 22 Marzo 2002 si è imposta la Francia sia nei maschi che nelle femmine. Mentre per i primi l'esito finale non poteva dare adito a discussioni, per le seconde qualche perplessità io l'ho avuta (parlo in prima persona per non coinvolgere nessuno nei miei ragionamenti). Il pointer Catharium NINO, condotto egregiamente da Bonneterre, ha fatto il 1°ECC/CAC/CACIT in entrambi i giorni, anche se, nel secondo giorno, il Giudice all'ala destra non ha visto una coppia di starne che il cane aveva  splendidamente fermato nell'arato, ma che poi si erano involate prima dell'arrivo del velocissimo conduttore, che tuttavia non ha sparato (forse non le ha viste perchè era ancora distante). Il cane è rimasto immobile per 10/15 secondi lì dove aveva fermato, ma poi ha fatto tre passi, un'altra breve pausa e successivamente ha ripreso la corsa come se niente fosse, mentre il giudice, che era a non più di cinquanta metri, non è intervenuto e quindi, probabilmente, non le ha viste. Ma questo episodio non inficia la bellissima prova di Nino che ha, a mio avviso, dimostrato in entrambi i giorni di essere il soggetto migliore e pertanto pienamente meritevole di diventare Campione d'Europa. Ora le femmine: Mutinensi's OLIVE ha fatto un bellissimo turno nel primo giorno meritandosi il 2° ECC.Ris.CAC/CACIT. mentre NUTSIE du Mont des Sources ha ottenuto l'ECC. Fra Nino e Olive il classico filo della polenta, ma non è questo il problema. Nel secondo giorno la cagna francese Nutsie, sempre condotta dal bravissimo Bonneterre, ha fatto il 3°ECC, ed anche qui niente da eccepire, mentre ad Olive (ed è qui la sorpresa) è stato dato il M.B. dopo un bellissimo turno con due ferme utili. Bisogna ammettere che nel primo punto, dopo che le starne erano partite e mentre il conduttore Girandola stava avvicinandosi di gran carriera (era almeno a duecento metri) Olive ha mosso soltanto l'anteriore prima verso destra e poi verso sinistra mantenendosi però, col posteriore, ferma sul posto mentre nel secondo punto le è stata attribuita una "leggera flessione", fra virgolette perchè è stata l'esatta espressione usata dal relatore. Due peccati molto veniali, sembrerebbe, peccati che probabilmente in altre cento analoghe circostanze non le avrebbero impedito di avere l'Eccellente, qualifica che, sommata a quella del giorno precedente, le avrebbe permesso di diventare Campionessa d'Europa. Infatti il regolamento prevede che una Ris. di CAC/CACIT + un ECC. siano pari a un ECC.+ un ECC.. Ma non è questo che mi dà da pensare in quanto se ci sono delle regole, queste sono uguali per tutti e vanno rispettate. Quello che mi fa "grattare la testa" è il M.B. assegnato alla brava Olive. Infatti con due ECC. ciascuna, il punteggio finale sarebbe stato uguale e quindi, per eleggere la Campionessa Europea, sarebbe stato necessario verificare chi delle due avesse ottenuto il maggior punteggio nell'Esposizione che ha preceduto le prove e non è difficile indovinare, dopo averle viste, chi fra Olive e Nutsie sia la più bella da un punto di vista morfologico (i punteggi morfologici ottenuti dai vari cani nell'Esposizione vengono immediatamente esposti al pubblico e su questi si possono fare tanti facili calcoli). Dopo aver esaminato gli elementi che Vi ho messo a disposizione, non viene da pensare anche a Voi che l'assegnazione del M.B. alla Olive sia discutibile? Non dico che ci sia stato un "pasticcio", ma per come sono andate le cose uno potrebbe anche pensarlo. Ma poi mi chiedo: non gli bastava ai Francesi aver stravinto coi maschi? Era proprio così importante vincere anche con le femmine mettendo a rischio la propria credibilità? Se pasticcio c'è stato, ma era proprio necessario? Se pasticcio c'è stato, la bravissima NUTSIE non lo meritava.

 

ZORA di San Pellegrino ha fatto parte, come membro effettivo, della squadra italiana che ha partecipato al Campionato d'Europa Pointers a Grande Cerca a Corbeilles en Gatinais (Francia) il 21 e 22 Marzo 2002 ottenendo, giustamente, un M.B. nella prima ed un ECC. nella seconda giornata, ma non si è espressa ai livelli cui ci aveva abituati probabilmente per il calore finito da poco. ATOM di San Pellegrino ha partecipato alla manifestazione come "riserva", ma non è stato utilizzato. Sono molto orgoglioso di entrambi.

 

 Ieri 7 Settembre 2002 al Raduno Nazionale organizzato dal Pointer Club d'Italia in quel di Piacenza, nella classe "Gruppo Fattrice", ULLA di S.Pellegrino, di proprietà dell'Allevamento LUCANIAE dell'amico Filippo Rautiis, accompagnata dai figli ZORA di S.Pellegrino (Ulla x Hardy du Bois des Perches), da AMBRA e ATOM di S.Pellegrino (Ulla x Ribot della Noce), ha ottenuto una lusinghiera piazza d'onore classificandosi al 2° posto. Purtroppo mancavano all'appello ZAC di San Pellegrino, fratello di Zora e Camp. Ital. ed Inter. di Lavoro, e AIDA di S.Pellegrino, sorella di Atom e Ambra ed anche lei Camp. Ital. di Lavoro (in attesa di convalida) che avrebbero certamente aumentato le già notevoli credenziali della madre Ulla. Naturalmente gradevole alle mie orecchie la bella relazione della Commissione giudicante composta da Zurlini, Dellatorre, Barbati e Pozzi, con la quale è stata motivata la seconda piazza. 

  Nello stesso Raduno Nazionale di cui sopra tenutosi a Grazzano Visconti in Provincia di Piacenza, ABEL di S.Pellegrino, fratello di cucciolata di ATOM,  ha ottenuto la qualifica di MOLTO BUONO in classe "Libera Maschi". Il Giudice Barbati mi ha confermato che se fossi riuscito a presentarlo meglio nella corsa al guinzaglio, cosa che mi ha fatto ripetere più volte, avrebbe potuto raggiungere la qualifica di Eccellente. Purtroppo nè io nè il cane (è la prima volta che sale sul Ring) abbiamo molta dimestichezza con questo tipo di manifestazioni ed era giusto punirci. 

foto103.jpg (33497 byte)

ABEL di S.Pellegrino in ferma su fagiano

 

                                     - ABEL di S.Pellegrino, E' DISPONIBILE PER MONTE - 

foto104.jpg (21946 byte)

11 Ottobre 2002 - ATOM di S.Pellegrino (Ulla di S.Pellegrino x Hardy du Bois des Perches), in una delle prove a Grande Cerca in corso di svolgimento in Polonia, ha ottenuto, Lunedì 7, la qualifica di I° Ecc/CAC nella sua batteria e la RIS/CACIT nel successivo Barrage. Purtroppo era febbricitante e non ha potuto dare il meglio di sè. Due giorni dopo, infatti, a causa del perdurare del malessere ed al rapido ingrossamento di una ciste situata sul dorso, è stato spedito con urgenza in Italia, a Modena, per sottoporlo ad esami accurati atti ad accertare l'origine di tale rigonfiamento. Non sto a descrivere tutte le vicissitudini aeroportuali cui è stato sottoposto il cane  (ed il bravissimo Filippo Mattei) prima a Varsavia e poi alla Malpensa, ma quando finalmente il cane è arrivato nelle mani dei veterinari il rigonfiamento sul dorso aveva raggiunto le dimensioni di un mezzo melone. Sottoposto ad antibiotico, dopo qualche ora la "bomba" è esplosa spandendo tutto attorno il nauseabondo contenuto liquido. Il giorno dopo è stato sottoposto ad intervento chirurgico alla ricerca di una probabile spiga (forasacchi), ma la vicinanza di organi vitali non ha consentito una millimetrica perlustrazione e pertanto la ricerca non ha dato i frutti sperati. Oggi, venerdì 11, Atom si è ripreso molto bene, mangia con appetito e non ha febbre pur portandosi sul fianco destro una ferita di venti centimetri, a forma di elle, con al centro due cateteri di spurgo che lui sopporta con indifferenza, quasi con orgoglio, come soltanto i cani sanno fare.

11 Ottobre 2002 - Questa mattina si è conclusa in Polonia una prova Giovani a Grande Cerca e BITTER di S.Pellegrino(Ada di S.Pellegrino x Zac di S.Pellegrino) ha ottenuto la vittoria con la qualifica di I° ECC/CAC. Essendo un cane nato il 22 Agosto del 2000 e, pertanto, molto giovane, questo risultato è veramente benaugurante. Un plauso a Lui, al bravissimo Stefano ed al caro amico Angelo Carboni che ne è il proprietario.

16 Ottobre 2002 - Ancora un buon risultato per BITTER di S.Pellegrino che, in una prova Mista Giovani, ha ottenuto la qualifica di 2° ECC/Ris.CAC

30 Gennaio 2003 - Attualmente in Spagna, per allenamenti e prove, ci sono ben cinque S.Pellegrino e precisamente: ZORA - ATOM - BITTER - COCA e CUPER. Dai primi tre aspetto conferme, mentre dagli altri due, grandi promesse, nati nel 2001 da AMI' di S.Pellegrino x XENO del Sole,  mi auguro dimostrino di avere quelle qualità, per ora soltanto intraviste, con le quali e per le quali meritino di partecipare al prossimo DERBY. Sono tutti e cinque sul furgone di Stefano Girandola, ottima frusta ed una garanzia per il pointer. Soltanto Zora è di mia proprietà - In Spagna, sullo stesso furgone, vi è anche un certo JURI (All.Ferrari) nato il 15 Aprile 2002 da ADA di S.Pellegrino x ZAC di S.Pellegrino) del quale, però, non so niente.

NOTIZIA AVUTA POCHE ORE FA DALLA FRANCIA: ZORA DI SAN PELLEGRINO E ATOM DI SAN PELLEGRINO  FARANNO PARTE, COME MEMBRI EFFETTIVI, DELLA SQUADRA CHE DIFENDERA' I COLORI ITALIANI AL PROSSIMO CAMPIONATO D'EUROPA POINTERS CHE SI TERRA' A CORBEILLES NEI GIORNI 22 E 23 MARZO 2003 - Donattina trascriverò anche i nomi degli altri componenti della squadra italiana, dei proprietari e dei rispettivi conduttori -

 

Trascrivo, di seguito, i nomi dei componenti l'intera squadra che cercherà di tenere alto il prestigio dei Pointers italiani al prossimo Campionato d'Europa 2003:

Titolari  :  ATOM di San Pellegrino       - prop. Parpaiola     - cond. Girandola

                 GIM                                            - prop. Endrizzi       - cond. Cantoni

                 ORFEO del Sole                     - prop. Braconi        - cond. Lombardi

                 RAMON del Volturno            - prop. Ruocco        - cond. Iazzetta

                 ZORA di San Pellegrino       - prop. Ferrari           - cond. Girandola

Riserve  : Mutinensis OLIVE                 - prop. Machiavelli   - cond. Girandola

                 SIRIO I° del Cielo                   - prop. Grassi            - cond. Lombardi

Al Campionato Europeo Pointer ha partecipato, l'ho saputo soltanto Sabato mattina, una terza San Pellegrino: si tratta di AIDA di San Pellegrino, sorella di cucciolata di Atom, condotta da Ferrari Giuliano, che correva per la Svizzera, ma non conosco il nome del proprietario.

Questa è la relazione che mi è stata fatta da alcuni amici che hanno assistito alle prove del Campionato:

1° giorno: ATOM - bellissimo primo turno, casualmente in copia con Orfeo del Sole, ma non incontra  -   Richiamato,  ripete bella prestazione ma non incontra - E

                  ZORA - bellissimo turno valorizzato da un buon punto, ma nel prosieguo, giudice d'ala calpesta coppia di starne - E

2° giorno : ATOM - turno ancora ad alti livelli - ferma starne ravvicinate che purtroppo non tengono e, prima che Girangola possa raggiungerlo, riprende la cerca - E

                   ZORA - turno perfetto per ampiezza, potenza e regolarità - verso la fine investe starna che le salta davanti - la cagna è ferma ma viene eliminata -

Belle prestazioni, quindi, ma risultati "zero" - di AIDA mi è stato riferito soltanto il turno del secondo giorno e, in copia con Orfeo, mi è stato detto che non gli è stata inferiore - cercherò maggiori dettagli -

foto156.jpg (87488 byte)  foto154.jpg (141243 byte)  foto155.jpg (163937 byte)

                  A sinistra: la squadra italiana con Ramon (Iazzetta) - Orfeo e Sirio (Lombardi) - Gim (Cantoni) - Olive, Zora e Atom (Girandola) ..... al centro: Aida (Ferrari Giuliano)...... a destra: la presentazione ai giudici di Atom (Girandola)

- le foto sono di Filippo Mattei -

                                                     3 APRILE 2003        

HO SAPUTO DA POCO DALL'AMICO MOCCHI CHE ZORA E' STATA INSERITA NELLA SQUADRA DI "COPPA EUROPA" ASSIEME A TRE SETTER - AVEVO DETTO CHE NON SAREI ANDATO, MA SICCOME E' UNA OCCASIONE CHE FORSE CAPITA UNA VOLTA SOLA NELLA VITA, ESSENDO MIA DI ALLEVAMENTO E DI PROPRIETA', HO PREPARATO LA VALIGIA E DOMATTINA ALL'ALBA PARTO PER IL BELGIO IN CERCA DI FORTUNA -

  Sono appena rientrato dal Belgio (ore 09 di Martedì 8 Aprile) e mi metto subito a scrivere per comunicare che l'ITALIA ha stravinto la "COPPA EUROPA 2003" con la seguente squadra: 

Pividoris GIOTTO             (St) - cond. Cantoni - prop. G.Stefanel

Radentis NOMAR             (St) - cond. Baldoni - prop. Fabbri/Bonacina

VANE del Palissandro    (St) - cond. Lombardi - prop.A.Locatelli

ZORA di San Pellegrino  (Pt) - cond. Girandola - prop.GF.Ferrari 

riserva: Mutinensis RAVEL (Pt) - cond. Girandola - prop. A.Carbone

                                                      °°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Classifica individuale: Radentis NOMAR          = 1°ECC/CAC/CACIT

                                           ZORA di S.Pellegrino    = 2°ECC/Ris.CAC/Ris.CACIT

                                            VANE del Palissandro = 5°ECC. 

Al 3° e 4° posto si sono classificati due setter,  ZAGO e NERO, condotti da Scipioni  e di proprietà di Pedrazzetti, in rappresentanza della Svizzera che, così, si è classificata al 2° posto - 

foto152.jpg (35066 byte)  foto149.jpg (63774 byte)  foto153.jpg (37573 byte)

A sinistra: la squadra italiana con Vane (Lombardi) - Zora (Girandola) - Giotto (Cantoni) -  Nomar (Baldoni).....al centro: Zora e Ravel (Carboni, il sottoscritto, Girandola, la bellissima moglie di Girandola e Mocchi).......a destra: Zora con Girandola appena finito il turno - le foto sono di Oscar Monaco

Sono certo che concorderete con me nel considerarlo  un risultato brillantissimo e per il team italiano, selezionato dal giudice ed allevatore Dellatorre, e, personalmente, per la bravissima ZORA - Non vi posso raccontare dello svolgimento del turno perchè, come tutti gli altri turni, non ho potuto vederlo per intero causa il terreno leggermente ondulato e la interminabile teoria di macchine al seguito, ma lo potrete trovare sul sito web di Verdiani o di Dellatorre (vedi pag.Preferiti) - E' stato un viaggio deciso all'ultimo minuto, lungo e in solitario, ma ne valeva veramente la pena, perchè non so se riavrò una tale opportunità  nella vita - La cagna è stata bravissima e per un po' ho pensato anche di vincere, ma va benissimo anche il secondo posto se è stato ottenuto con una qualifica così importante - E non posso tralasciare di dire che ha corso anche AIDA di S.Pellegrino per difendere i colori della Svizzera che si è classificata al 2° posto - E' di proprietà del Sig.Buletti e la conduceva Ferrari Giuliano - Non si è classificata perchè ha trascurato una coppia di starne, ma ha fatto un bellissimo turno - E' la cigliegina sulla torta -

                                                    FINALMENTE !!!!!

PER TUTTO IL PERIODO ESTIVO ATOM DI SAN PELLEGRINO E' DISPONIBILE PER MONTE - NEI PROSSIMI GIORNI, FRA LE PRIMISSIME, CON ZORA DI S.PELLEGRINO COME DA TEMPO DA ME PROGRAMMATA E DESIDERATA -

Nella assemblea annuale del Pointer Club d'Italia, tenutasi a Modena in data 5 Maggio 2003, a Bitter di S.Pellegrino, nato il 22 Agosto 2000, è stato assegnato il TROFEO quale miglior giovane dell'anno 2002, a pari merito con Rio di Endrizzi e condotto da Cantoni. Bitter appartiene ad Angelo Carbone ed è sul furgone di Stefano Girandola.

BARBA di S.Pellegrino (Ada di S.Pellegrino X Zac di S.Pellegrino Ch.It.Int.Lav) è stata accoppiata con ATOM di S.Pellegrino (Ulla di S.Pellegrino Ch.Rip.X Hardy du Bois des Perches Ch.It.Int.Tr. e Ch.Rip.) - Per le prenotazioni vedere la pag.Allevamento -

Anche ZORA di S.Pellegrino (Ulla di S.Pellegrino Ch.Rip. X Ribot della Noce Ch.It.Int.Tr. e Ch.Rip.) è andata in sposa ad ATOM di S.Pellegrino (Ulla di S.Pellegrino Ch.Rip.X Hardy du Bois des Perches Ch.It.Int.Tr. e Ch.Rip.) - Prenotazioni chiuse da tempo -

ADA di S.Pellegrino (Milord) ed AMBRA di S.Pellegrino (Robby) hanno partorito, nello stesso giorno, DIECI cuccioli ciascuna. (vedi pag.Allevamento)

UMBRA di S.Pellegrino, Ch.It.Int.Tr. e vincitrice del Campionato Europeo Pointer del 1999, proclamata dal Pointer Club Italiano miglior femmina per gli anni 1998 e 1999, dopo una parentesi di un anno a Belgrado dove aveva le starne fin dentro al box, è ritornata a casa per "raggiunti limiti di età" e d'ora in poi vivrà serenamente in casa con me e mia moglie, coccolata e vezzeggiata come merita.

In data odierna - 27 Giugno 2003 - ZUMI del Volturno (da Zuffa di S.Pellegrino x Nobel) è stata unita a BITTER di S.Pellegrino (Ada di S.Pellegrino x Zac di S.Pellegrino) - prenotazioni chiuse a meno di disdetta (vedi pag.Allevamento)

BARBA di S.Pellegrino (x ATOM di S.Pellegrino) ha partorito 9 cuccioli il 17 Luglio 2003 - vedi pag.Allevamento - prenotazioni chiuse a meno di disdetta

3 Luglio 2003 = con questa decorrenza è stato omologato dalla Federazione Cinologica Internazionale il mio Affisso che si chiamerà " di Montale Rangone ", mio paese di residenza. ( vedi Pag.Allevamento)

2 Agosto 2003: dalle ore 2 alle ore 10 Zora ( X Atom) ha partorito 10 cuccioli: sei maschi e quattro femmine = 2 maschi e 2 femmine bianco/arancio - 3 maschi e 2 femmine bianco/neri - 1 maschio bianco/marrone (vedi pag.Allevamento) -

4 Agosto 2002: ALICE (Ambra di S.Pellegrino X Ribot della Noce) è stata accoppiata, oggi pomeriggio, in quel di Padova, con RIO dell'Ing.Endrizzi e condotto da Giacomo Cantoni (vedi pag.Allevamento) -

29 Agosto 2003 - Zumi del Volturno, accoppiata con Bitter di S.Pellegrino in data 27 Giugno 2003, non è rimasta gravida - Prego gli interessati di contattarmi -

BOZZA DI PROGRAMMA DI ALLEVAMENTO PER IL 2004 - All.to di "MONTALE R." e "S.PELLEGRINO" (vedi Pag.Allevamento)

7 Ottobre 2003 - Questa mattina, per un banale incidente, è morto il Presidente del Pointer Club Italiano ed Europeo Dott. CARLO ZIRONI - Un grandissimo lutto per noi e per tutta la cinofilia -

 

                                                                         BITTER di S.Pellegrino in Polonia - Ottobre 2003 -

07/10/2003 - Lomza - Grande Cerca - Speciale Pointer - 3° ECC.

10/10/2003 -      "             "          "       Mista Inglesi       - ECC.

22/10/2003 -      "             "          "           "        "            - 3° ECC.

24/10/2003 -      "             "          "           "        "            - ECC.

 

16 Dicembre 2003 - ZUMI del Volturno, che ho presentato al Derby 2002 (conduttore Pasquariello), ha stravinto il Campionato Europeo Pointer su Beccacce, in Sicilia (vedi pagg.Allevamento e Album foto), con due 1°ECC/CAC/CACIT -

 

Ultime notizie non ufficiali: DERBY a Varazdin, con preselezione in Italia

                                              COPPA EUROPA in Polonia (org.Italiana)

 

CUI  PRODEST ? Io sono lontano dai verdi anni della scuola, ma mi pare si dica, e si scriva, proprio così, quando uno si domanda a chi faccia comodo una scelta piuttosto che un'altra, perchè quasi sempre, nella politica, nel commercio, nello sport (vedi le cifre astronomiche che le varie nazioni offrono per poter fare le Olimpiadi a casa loro), ecc...ecc.., c'è, più o meno sottosotto, qualche interesse personale. Poi, magari, l'interesse personale coincide anche con gli interessi della collettività, in questo caso dell'ENCI, ma in questa  circostanza mi sfugge. So per certo che la SERBIA, bellissimo paese che abbiamo sfruttato per anni per allenarci i nostri cani e per farci delle prove bellissime, ha offerto gratuitamente i propri terreni per la prossima Coppa Europa, ma, da quel che risulta, non è stata tenuta in considerazione. E, se per caso lo è stata, non si trovi fuori la scusa della sicurezza di cani e conduttori, perchè oggi è un paese molto meno a rischio di attentati di quanto non lo sia la stessa Italia (vedi dichiarazioni di ieri del nostro Ministro dell'Interno) o la Polonia che, pure lei, ha spedito un contingente militare in Irak. Alberghi e ristoranti costano la metà, l'organizzazione si porta dietro anni di esperienza fatta con noi, e per noi, negli anni anteguerra, i terreni sono eccellenti, come pure le starne che li popolano, la gente ospitale e gentile, la distanza relativamente breve (Belgrado - Modena in 7/8 ore), benzina e gasolio costano molto meno. A conferma di tutto questo, basterebbe ricordare che da tempo, e con ottimo profitto, molti dei nostri addestratori, come Zagni, Balugani, Cantoni, Pianigiani, Scipioni ed altri, ci vanno più volte all'anno ad allenare ed a caccia, così mi risulta. Basterebbe tuttavia rispolverare quel senso di amicizia che per anni i nostri Giudici hanno sbandierato in ogni relazione di fine prova, ma forse era soltanto una bugia dettata dal nostro noto opportunismo, in quanto ci faceva comodo sfruttare la Serbia, da un punto di vista cinofilo e non, depredandola anche delle sue starne, assieme a francesi e tedeschi (ricordo di aver visto, in due occasioni, portabagagli di auto con dentro più di duecento starne), sfruttando la debolezza economica di quel paese ed il cambio favorevole. Ora la Serbia avrebbe bisogno di risollevare la testa, e quale migliore occasione se non ospitando la Coppa Europa organizzata da un paese "amico" e vicino? Questo paese "amico" e vicino avrebbe anche un interesse economico, che dovrebbe sempre essere tenuto in considerazione, specie quando si amministra del danaro altrui, ma forse mi sbaglio e l'nteresse economico c'è. E se poi, alla fine, si dimostrasse che " cui prodest " è proprio l'Enci, che figura ci farei? Io, comunque, spero proprio di fare una figuraccia!!!

Montale R. li, 3 Gennaio 2004

Ho ritenuto opportuno, e di pubblico interesse ed utilità, trascrivere integralmente la lettera con la quale il Presidente del Pointer e Setter Club Serbo, Sig.Dusko Sormaz, ha gentilmente messo a disposizione dell'Uffico Prove dell'ENCI di Milano, per lo svolgimento della COPPA EUROPA  che, come si sa, spetta all'Italia organizzare nel 2004, starne e terreni che, purtroppo, il nostro Paese è costretto a mendicare in giro per l'Europa. Da sottolineare che la generosa offerta è quasi " a gratis ".

Ufficio prove

 

Sapendo delle difficolta che avete con l organizazzione delle prove importanti per la mancanza dei terreni  con la selvagina naturale (le starne) il Pointer-setter Club serbo con la collaborazione con KSSCG (ENCI SLAVO) Vi offre la possibilita di organizzare le prove in Serbia.

I terreni che Vi offriamo si trovano al sud di Serbia (la zona di Nis), sono ricchi della starne naturale e ideali per le prove. I giudici e i conduttori possono essere sistemati all albergo Nais che si trova sulla autostrada Belgrado-Nis. Il club Vi offre l assistenza tecnica per l organizazzione (l ufficio della prova, gli accompagnatori che conosconi perfetamente i terreni e gli interpreti). Vogliamo dirVi che i terreni e nostro supporto in organizazzione e regalo per voi.

In attesa del Vostro risposto, Vi porghiamo i distinti saluti.

 
                                                                                                               Poenter-setter Club Serbia e Montenegro
                                                                                                               Dusko Sormaz
                                                                                                               il presidente
                                                                                                               cell. +381 63 218685
 

13 Gennaio 2004 = A proposito di Coppa Europa, notizie più recenti e molto attendibili danno per certo che sia il Derby che la Coppa Europa verranno fatte a Varazdin (Croazia) nella riserva di Di Stadio, dove ormai da anni si fanno prove primaverili a Grande Cerca. Inoltre, sono in atto contatti fra l'Italia e la Serbia per studiare la possibilità di effettuare, dopo la Grecia, un ciclo di gare a Grande Cerca. Ipotesi auspicabile, secondo il mio parere, per tanti motivi, non per ultimo perchè in tal modo si verrebbe a facilitare lo spostamento dell'intera "carovana" di furgoni, a beneficio di cani e conduttori, perchè risalendo dalla Grecia verso il nord, si farebbero alcuni giorni di prove a Nis e dintorni, per poi proseguire verso la Croazia, con destinazione Varazdin per  il Derby ed un ciclo di 4/5 prove. Poi si andrebbe in Francia, alle cui bellissime e qualificanti prove non si può certamente rinunciare, per poi passare eventualmente in Belgio e Germania,  scendendo poi nuovamente a Varazdin per finire la stagione con la pirotencica prova di Coppa Europa per Nazioni. Un bel programmino, anzi: un programmone. Mi auguro che queste mie righe non si rivelino soltanto un sogno.

24 Gennaio 2004 - Confermate Varazdin per il Derby e Lomza per la Coppa - Non condivido la scelta della Polonia, per i motivi sopra esposti, ma auguro ugualmente un "buona fortuna" al coraggioso Comitato Prove - Potrebbe essere una esperienza interessante e tecnicamente valida, anche per il futuro -

11 Febbraio 2004 - Oggi, in Spagna, Bitter di S.Pellegrino ha vinto la sua batteria con il CAC ed ora è in possesso di tutti i titoli per essere proclamato Campione Trialer. Domattina ci sarà il barrage per l'assegnazione del CACIT fra Bitter e i due vincitori delle altre batterie che sono, se non ho capito male, il setter Pividoris Giotto ed il pointer Ramon del Volturno -  

13 Febbraio 2004 - in data odierna ho scaricato dal sito web dell ENCI e inserito nella pag."Prove 2004" il modulo d'iscrizione al Derby per inglesi relativamente all'anno 2004 - ricordo che i tempi sono abbastanza ristretti  

13 Febbraio 2004 - ATOM di S.Pellegrino ha ottenuto, nella sua batteria, un lusinghiero risultato classificandosi al 2° posto con la qualifica di ECC. 

14 Febbraio 2004 - Altra bellissima notizia: oggi ATOM di S.Pellegrino (Ulla di S.Pellegrimo x Hardy du Bois des Perches) ha vinto la sua batteria classificandosi al primo posto con CAC - Ora anche lui è in possesso di tutti i titoli per essere proclamato Campione Trialer - Non so chi sono (se ci sono) gli altri vincitori di batteria per l'assegnazione del CACIT 

 

15 Febbraio 2004 - ATOM ha trasformato il CAC in uno splendido CACIT - trascriverò integralmente la relazione dei giudici nonappena ne verrò in possesso - Invece il CAC di BITTER è rimasto tale in quanto, nel secondo confronto, è andato fuorimano

 

Notizia di oggi, 25 Febbraio 2004, mi assicura che il ciclo di prove a grande cerca di Grecia, Serbia e Croazia avrà svolgimento regolare, secondo il programma indicato alla pag. "Prove 2004" -

25 Febbraio 2004 - Cinque sono i giovani cani nati in questa casa che parteciperanno al DERBY 2004 e dei quali è già stata fatta la dovuta iscrizione all'Ufficio Prove dell'ENCI: i fratelli ALICE, ARON, ARTU'  (Ambra di S.Pellegrino x Ribot della Noce) + IGOR (Ada di S.Pellegrino x Zac di S.Pellegrino) + DRUSO di S.Pellegrino (Alle di S.Pellegrino x Milord di Groppo) - I primi quattro non portano alcun affisso in quanto fanno parte di cucciolate da me fatte nel 2002 per poter richiedere l'Affisso di "Montale Rangone" -

4 Marzo 2004 - oggi Atom di S.Pellegrino, condotto da Girandola, ha vinto la sua batteria aggiudicandosi il CAC ed il diritto di concorrere per l'assegnazione del CACIT - A più tardi l'esito del barrage -

5 Marzo 2004 - Il CAC di ieri, purtroppo, non si è trasformato in CACIT, però oggi Atom ha fatto un altro CAC di batteria - Spero che il barrage di domattina gli sia favorevole. Tuttavia, devo ammettere che non mi dispiacerebbe se facesse un CAC al giorno e basta.

6 marzo 2004 - DERBY - Perdura ancora l'incertezza sulla possibilità di fare il DERBY a Varazdin, anche se la neve si sta squagliando rapidamente. I terreni sono ancora coperti e, per non annullare questa prova unica e bellissima e attesa e desiderata e fonte inesauribile di sogni e delusioni, si è pensato di farla sui consueti e navigati terreni della "Tollara" nel caso Varazdin restasse impraticabile. Tuttavia, in questo momento, anche in quel di Alessandria sta nevicando mettendo ancor più a rischio l'edizione 2004 del Derby

8 Marzo 2004 - le speranze di andare a Varazdin il 12/13/14 per fare il DERBY sono definitivamente tramontate - Alla pag. "prove 2004" un commento più ampio 

9 Marzo 2004 - Le ultime sul DERBY alla pag."prove 2004"

10 Marzo 2004 - Il mio allenatore/addestratore serbo non ha avuto il visto per venire in Italia, quindi i miei cani sono senza conduttore. Sono proprio nella m....!!! Oggi, comunque, mi arrivano dalla Serbia, poi vedrò cosa fare -

14 Marzo 2004 - Non è stato proprio un bel Derby, ma scriverò ciò che penso, domani, alla pag. Riflessioni. Per quel che riguarda i tre cani che ho presentato io, per le cause di forza maggiore già raccontate, è stato un disastro. Alla fine, comunque, è stata assegnata la vittoria ad una setter, Condotta da Pessotta, con la qualifica di ECC. Al secondo posto ancora una setter, condotta da Zaniboni, pure con l'ECC. Non conosco i nomi delle due setter classificate -

22 Marzo 2004 - Il Campionato Europeo Pointer, tenutosi in Francia, come ogni anno, il 20 e 21 Marzo, è stato vinto da un pointer Greco - Al più presto altre e più dettagliate informazioni alla pag. Prove 2004 -

31/03/04 - Da questa sera vi informerò  giornalmente sull'andamento delle prove a Grande Cerca che iniziano oggi in Polonia

3 Aprile 2004 - Oggi IGOR ha conseguito quello che spero sia soltanto il primo di una lunga serie di CACIT - vedi pag.prove 2004 -

05/04/04 - Alla Spagna la Coppa Europa 2004 - A Vane del Palissandro il 1° ECC/CAC/CACIT

Domani 7 Aprile 2004 coprirò Ambra di S.Pellegrino con Milord di Groppo, mentre giovedì 8 Aprile sarà la volta di Zora di S.Pellegrino con Tartaro del Vento (vedi pag.Allevamento)

7 Aprile 2004 - La composizione della squadra italiana al Camp.Eur.Setter alla pag. prove 2004

10 Aprile 2004 - Ad IGOR (Ada x Zac) il DERBY della Serbia con 1° ECC/CAC

11 Aprile 2004 - Prenotazioni aperte per Ambra e Milord (vedi pag.Allevamento)

10 Maggio 2004 - prenotazioni cuccioli annullate - vedi pag Allevamento

08 Giugno 2004 - ZORA di S.Pellegrino ha partorito 9 cuccioli, cinque maschi e quattro femmine, tutti bianchi e neri. Il padre è TARTARO del Vento -

26 giugno 2004 - Sto per trasferirmi in Sicilia - Vedi lettera a pag.Allevamento

27 Settembre 2004 - RIECCOMI

Da oggi riprenderò i contatti che ho interrotto tre mesi fa e incomincerò con l'aggiornarvi sulle ultime novità di carattere generale e personale, sul "S.Pellegrino" e sul "Montale Rangone", alle varie pagine (per ora vedi: notizie varie-prove 2004-prove 2005-riflessioni) - Ben Trovati -

Della scomparsa di GIOVANNI RADICE

29 Settembre 2004 - vedi pag.Riflessioni

3 Ottobre 2004 - Da oggi potrete trovare, nella pag.Prove 2004, i vincitori delle prove che sono in via di svolgimento in Polonia

5 Ottobre 2004 - Aggiornamenti anche alla pag. interessi e album foto

15 Ottobre 2004 - Montale R. - sto per trasferirmi a Belgrado, quindi il sito resterà inattivo per qualche giorno - Spero laggiù di trovare un tecnico in grado di farlo funzionare e riprenderò giornalmente a scrivere -

Topola (Serbja) 22 Ottobre 2004 - Qualche notizia da Natalinci la trovate alla pag. Prove 2004

Topola - 25 Ottobre 2004 - Il racconto di una mattinata con i cuccioli e con la madre Zora (alla pag.Allevamento)

Topola - 2 novembre 2004 - un'altra mattinata interessante e gradevole - (alla pag.Allevamento)

Topola, 8/11/2004 - Ieri pioveva ed oggi nevica - Credo che in settimana mi trasferirò a Varazdin per vedere come sono le condizioni e poi, eventualmente, nella peggiore delle ipotesi, me ne tornerò a Modena per un po', aspettando il calore di Zora e che il tempo migliori

Topola, 10 Novembre 2004 - Domani me ne vado a Varazdin, in Croazia, nella bellissima riserva della quale sono, fortunatamente, socio e gestore, per sparare a qualche starna ai cucciolotti e, perchè no, alla loro madre (glielo devo per riconoscenza per quanto ha fatto per me nella sua carriera) - Poi me ne andrò a casa per sistemare alcune cose e da lì riprenderò a scrivere ed a raccontare come si sono comportati i miei "ragazzi" -

Montale R. 15 Novembre 2004 - Sono passato da Varazdin, ma le condizioni atmosferiche non mi hanno permesso di restare se non per un giorno soltanto - Tuttavia ho potuto provare i figli di Zora e potete leggere come sono andati alla pag. Allevamento -

Montale R. 15 Novembre 2004 - Sabato 13 Ada di S.Pellegrino è stata accoppiata con il Ch.It.Int.Tr. Titan, come da programma

22 novembre 2004 - da oggi inizierò la trascrizione in inglese di tutte le pagine del sito e presumo di poterla completare in pochi giorni, questo per dar modo ai sempre più numerosi visitatori stranieri di accedervi senza l'ausilio di traduttori.

3 Dicembre 2004 - ALLE di S.Pellegrino (bianco-marrone da Ulla x Hardy) nella prossima primavera verrà utilizzata come seconda fattrice di S.Pellegrino -

In data 18 Dicembre 2004 AMBRA di S.Pellegrino è stata accoppiata a TARTARO del Vento, già utilizzato con successo con Zora di S.Pellegrino

Oggi, 20 Dicembre 2004, ho separato i racconti dal resto e li ho raccolti, aggiungendo l'ultimo di Varazdin, in una nuova pagina: "Racconti"

31 Dicembre 2004 - Pubblicazione del calendario prove a Grande Cerca in SPAGNA

3 Dicembre 2005 - Oggi ZORA ha incominciato il calore

Montale 10 Gennaio 2005 - oggi ADA ha partorito 10 cuccioli (6 maschi e 4 femmine)

Grosseto 13 Gennaio 2005 - oggi ZORA è stata coperta con Bernis di Vallerotana

25 Gennaio 2005 - Novità sul DERBY (pag.prove 2005)

Appuntamento per il 6 Marzo 2005 - alle ore 10 - all'uscita autostradale di Modena Sud, a tutti coloro che hanno prenotato un cucciolo di ADA x TITAN - Vedi fondo pag. Allevamento

27 Gennaio 2005 - pubblicazione alla pag."Prove 2005" del calendario prove in Grecia con Coppa Europa, Camp.Eur.Setter e Prova d'Eccellenza

27 Gennaio 2005 - Bitter di S.Pellegrino è di Dusco Sormaz

1°Febbraio 2005 - ALLE di S.Pellegrino è in calore (vedi pag."Allevamento")

3 Febbraio 2005 - POSTICIPATO IL DERBY (vedi pag."prove 2005)

8 Marzo 2005 - Calendario prove a Grande Cerca in Serbia (vedi "Prove 2005)

14 Febbraio 2005 - i CACIT assegnati in Spagna (vedi pag. Prove 2005

14 Febbraio 2005 - AMBRA (x Tartaro) ha partorito 9 cuccioli (7 maschi e 2 femmine) - vedi pag.Allevamento

17 Febbraio 2005 - I miei programmi nell'immediato (vedi pag. Prove 2005)

20 Febbraio 2005 - I risultati e le classifiche delle prove a Grande Cerca in SPAGNA (vedi pag.Prove 2005) -

5 Marzo 2005 - Risultati delle prove e della Coppa, in Grecia, alla pag.Prove 2005

7 Marzo 2005 - All'Italia il Camp.Eur.Setter (vedi pag.Prove 2005)

7 Marzo 2005 - saltano le prove in Serbia (vedi pag. Prove 2005)

Montale R.14 Marzo 2005 - Zora ha partorito (vedi pag.Allevamento)

14 Marzo 2005 - Alcune foto della Coppa Europa (vedi pag. Prove 2005)

14 Marzo 2005 - Alcune prove a Grande Cerca a Varazdin a fine mese (vedi pag."Prove 2005)

14 Marzo 2005 - Notizia di oggi: dopo il Derby a Varazdin, alcuni giorni di prove a Grande Cerca in Serbia (vedi pag. Prove 2005)

19 Marzo 2005 - Francia - A Mutinensis RAVEL la Boulleaume (vedi pag. Prove 2005)

19 Marzo 2005 - La squadra italiana al Camp. Eur. Pointer (vedi pag. Prove 2005)

19 Marzo 2005 - ore 18 - Notizia appena giuntami: a TITAN il CACIT (vedi pag.Prove 2005)

20 Marzo 2005 - A DALY di Taccon  il CACIT del secondo giorno (vedi pag."Prove 2005")

20 Marzo 2005 - TITAN Campione Europeo e DALY vice-Campione (vedi pag."Prove 2005")

26 Marzo 2005 - Oggi incominciano le prove a Grande Cerca a Varazdin - Da stassera vi darò i risultati

26 Marzo 2005 - ore 18 - A Varazdin un solo CAC (vedi pag.Prove 2005)

27 Marzo 2005 - ore 20 - Ancora un solo CAC (vedi pag.Prove 2005)

28 Marzo 2005 - ore 20 - nessun CAC (vedi pag.Prove 2005)

29 Marzo 2005 - ore 18 - Un solo CAC (vedi pag.Prove 2005)

3 Aprile 2005 - I risultati del Derby 2005 (vedi pag.Prove 2005)

7 Aprile 2005 - A questa sera i risultati della prima prova in Belgio

14 Aprile 2005 - IGOR Ch.Ass. (vedi pag Allevamento e Prove 2005)

19 Aprile 2005 - Domani finalmente parto per la Serbia (vedi pag. Allevamento)

19 Aprile 2005 - Alcune foto di Varazdin (vedi pag.Album foto e Prove 2005)

30 Aprile 2005 - Relazione Serbia (pag. Allevamento)

30 Aprile 2005 - CAC e CACIT per GAIA ritornata di mia proprietà (pag.Prove 2005)

1° Maggio 2005 - offerta base per BRUNA (pag.Allevamento)

2 Maggio 2005 - offerta base per BRISCOLA (pag.Allevamento)

3 Maggio 2005 - BRUNA consegnata al nuovo proprietario (pag.All.)

3 Maggio 2005 - disponibilità di tre cuccioli di AMBRA x TARTARO a Reggio C.(vedi pag.Allevamento)

4 Maggio 2005 - ore 13 - BRIS appartiene al Sig.Civitelli (pag.Allevamento)

5 Maggio 2005 - da domani nuovo sito-web in parallelo (pag.iniziale)

6 Maggio 2005 - doppio interessamento per BITTER - (pag.Allevamento)

7 Maggio 2005 - BRIS a Milano e BIRBA in Grecia (pag.Allevamento)

9 Maggio 2005 - Calendario Classiche a quaglie - pag.Prove 2005

9 Maggio 2005 - altro contatto per Bitter - - pag.Allevamento

10 Maggio 2005 - 1° scatto di 250 euri per Bitter - pag.Allevamento

11 Maggio 2005 - Proposta di acquisto di Gaia dalla Grecia (pag.Allevamento)

11 Maggio 2005 - Venerdì pomeriggio partenza, con tutti i cani, per Catania (Sicilia)

11 Maggio 2005 - ore 10 - Il Geom.Duranti ha rilanciato di 500 euri per Bitter (pag.All.)

13 Maggio 2005 - ore 13 - sono in partenza per la Sicilia - tutte le aste sono state portate a buon fine e vengono, pertanto, chiuse definitamente. (pag.Allevamento)

Bitter di S.Pellegrino al Signor Duranti

22 ottobre 2005 - Eccomi di nuovo dentro il computer

(vedi pagg.Allevamento e Racconti)

06 novembre 2005 - Dopo due settimane di tribolazioni, eccomi ancora e definitivamente, spero, dentro il computer

ed incomincio col segnalare che in data 4 Novembre 2005, nella tenuta agricola di Marelli, è stata coperta AMBRA di S.Pellegrino con TRISTAN (vedi pag.Allevamento)

GLI AMICI SERBI

8 Novembre 2005 - Ho parlato più volte degli amici che ho in Sicilia, ma ancora non do detto molto di quelli che ho acquisito in Serbia ed eccomi a parlare più compiutamente di DRAGAN MITROVIC allevatore di Breton con l'Affisso "OD POSTAR", del Postino, lavoro che svolgeva fino a qualche anno fa. Di quanto si sia prestato e si presti tuttora per agevolarmi la vita in questo paese a me straniero, martoriato dall'Embargo e dalla guerra, ho già parlato quando vi ho raccontato dell'incidente di Betty e delle tante visite fatte all'Università Veterinaria di Belgrado per salvarla, prima, e per rimetterla in sesto, poi. Non so come sdebitarmi, anche se una vera e sentita amicizia non potrà avere mai compensi adeguati, e proverò a farlo con la necessaria delicatezza parlando dei cani da caccia e da prove che alleva con tanta passione e competenza. Io non sono esperto di Breton, ma quando ne vedo uno che allarga come fosse un inglese, che incontra con facilità, che ha una ferma solida ed espressiva, con carattere allegro e vivace in ogni sua manifestazione, ebbene in quel caso, che non è isolato, mi rendo conto di essere davanti ad un buon cane, anche se non sono in grado di capire perfettamente la qualità del galoppo o la presa di punto o le caratteristiche morfologiche. Non tutti hanno mentalità da Grande Cerca, ma tutti, salvo poche eccezioni,  sono ottimi cacciatori e qui a Natalincj,  piccola capitale della cinofilia serba, i cuccioli breton vengono venduti, a sessanta giorni, a centocinquanta/duecento euri ciascuno in rapporto alla loro bellezza (da noi corrono ben altri prezzi a pari qualità). Se poi si cerca un cucciolone, non ne ha molti, ma tutti conoscono bene starne, fagiani e lepri perchè li porta fuori quasi tutti i giorni e qualche volta nella mia riserva dove danno del filo da torcere a qualsiasi buon cane da caccia. Attualmente ha una trentina di cuccioli, di età variante fra i quindici ed i sessanta giorni, e tre femmine che devono sgravare in un prossimo futuro, tutti bianco/arancio. Venire a Natalincj mi rendo conto che è un po' scomodo, ma ne varrebbe la pena e, volendo, Dragan puo fare consegne anche in Italia dove viene spesso a giudicare, su invito di diversi gruppi cinofili, essendo anche Giudice qualificato ed apprezzato. Ovviamente, tutti i suoi cani hanno un pedigree con l'Affisso "Od Postar". Appena mi sarà possibile pubblicherò anche qualche foto e vi racconterò anche di quanto si prodighi giornalmente per aiutare anche la gente del posto che non ha certamente una vita facile e dove è difficile trovare un lavoro, non essendoci industrie o commercio, e quando lo trovi devi accontentarti di uno stipendio mensile di 10/12.000 Dinari pari a 150/180 Euri con i quali è difficile mantenere una famiglia in maniera decorosa. Tuttavia, nonostante tutte queste enormi difficoltà, si ha quasi sempre a che fare con gente affabile, gentile, premurosa, che ti mette a disposizione tutto ciò che hanno quando vai a fare loro visita, offrendoti con tutto il cuore quel caffè così prezioso che forse mancherà a loro il giorno dopo.

DUSKO SORMAZ

detto comunemente "Dule". E', fra le altre cose, Presidente di Pointer e Setter Club Serbo ed è in grado di risolvere qualsiasi problema. Ve ne dò un esempio: in febbraio sono venuto in Serbia con l'intenzione di restarvi per qualche tempo per poi passare in Grecia per assistere alle prove di Coppa Europa, alla quale partecipavano due mie creature: Bitter di S.Pellegrino e Gaia di S.Pellegrino, condotti entrambi da Darko Milosevic, che ormai dovreste conoscere, in rappresentanza della squadra Serba. Ho attraversato senza problemi, con la carta d'identità, tutte le frontiere che ho incontrato, ultima delle quali quella Croata al confine con la Serbia. Ebbene alla dogana Serba ho dovuto presentare il passaporto, unico documeto valido per entrare in questo paese, ed il solerte doganiere mi ha fatto notare che era scaduto il giorno prima. Panico, accompagnato da vampate di calore ed abbondante sudorazione. Cosa fare? Tornare indietro era un disastro, in quanto voleva dire aver fatto quasi mille kilometri per niente, senza dimenticare che poi, a Modena, fra preparazione di nuovi documenti e conseguente concessione di un nuovo passaporto avrei dovuto restare fermo almeno per un mese ed avrei perso la Coppa. Il poliziotto, nel frattempo, mi aveva fatto parcheggiare subito dopo la sbarra di accesso e, forse impietosito dal mio smarimento e scoramento, era entrato in un attiguo ufficio e lo vedevo confabulare con altri, forse suoi superiori, per vedere come si poteva e se si poteva risolvere il problema. Tutti squotevano la testa dopo aver esaminato il documento e l'esito è stato quello che avete gia immaginato: espulsione. Con il poco serbo che conosco ho chiesto di poter telefonare ad un amico che, ovviamente, era Dule e questi mi ha detto di aspettarlo chè nel giro di un'ora sarebbe venuto alla frontiera per vedere se poteva sistemare la situazione. Intanto i doganieri mi hanno fatto riattraversare il confine e decido di fermarmi nella cosidetta "terra di nessuno", quella sottile striscia che si trova fra una nazione e l'altra, in attesa di Dule che arriva dopo quasi due ore, mi accompagna a piedi alla dogana Serba, stringe la mano calorosamente ad alcuni poliziotti e mi fa sborsare cinquanta euri con i quali divento possessore di una tessera turistica, regolare, che mi permette di restare in quel paese per trenta giorni, anche senza passaporto. Sono, per ora, salvo. Una distrazione che poteva costarmi cara si è risolta, grazie all'aiuto di un amico che si è fatto trecento kilometri fra andata e ritorno,  con un po' di paura e la sola perdita di qualche ora di tempo che non ha compromesso i miei programmi. Il problema si è poi materializzato ancora una volta allorquando, dopo una ventina di giorni, ho dovuto presentarmi alla dogana macedone per poter raggiungere la Grecia. Qui, però, la comprensione e gentilezza di un poliziotto e di un finanziere, mi hanno permesso di attraversare il confine senza ulteriori intoppi con grande sollievo, come potete immaginare, perchè poi alla dogana greca bastava nuovamente la carta di identità per entrare. Sono poi ritornato in Sicilia via mare, ovviamente. Devo tuttavia a Dule l'aver potuto vedere Coppa Europa 2005. Da qualche tempo ho messo su casa a Natalincj, ottanta kilometri sotto Belgrado, paesino di sei/settecento anime, ma da sempre Capitale della cinofilia serba. Una bella casetta ad un solo piano di circa 150 metri quadrati, disabitata da tempo e lasciata dai vecchi inquillini in condizioni disastrose, con un ampio giardino e dietro, verso la campagna, due vecchie costruzioni che ho adibito, fatto adibire, a ricovero per i cani, poi una lunga striscia di terreno, che valuto dagli otto ai novemila metri, dove ho intenzione di liberare i cuccioli o cuccioloni, se ne avrò, dopo averla fatta recintare tutta. Dentro casa, pavimenti nuovi, bagno nuovo con l'unico bidet esistente in quanto questa indispensabile,  per noi italiani, ceramica non è assolutamente presa in considerazione in Serbia, così come in alcune parti della Francia o nella stessa Ingilterra, lavatrice, stufe elettriche ed a gas, una bellissima e confortevole stufa a legna in ghisa, televisione con un'antenna che raccoglie i canali nazionali e quella satellitare per seguire ciò che accade in Italia e nel mondo, sette metri cubi (qui si usa il metro cubo e non il quintale, ma sostanzialmente è la stessa cosa) di legna fatta a pezzi, insomma una totale ristrutturazione, dentro e fuori, con tutti mobili nuovi, a parte due vecchi armadi che mi sono simpatici, per la quale se non avessi avuto l'aiuto di Dule alla Metro di Belgrado e di Dragan qui in paese per trovare degli operai capaci, sarei ancora oggi accampato nella casa di caccia che, seppure confortevole e bella, non mi avrebbe consentito di avere quelle comodità, specialmente per i cani, che mi sono indispensabili anche per sentire meno il distacco dalla mia terra. Queste cose, tutte abbastanza personali e probabilmente di nessun interesse per molti di voi, ho voluto raccontarle in primo luogo "per dare a Cesare quel che è di Cesare", cioè per fare conoscere con quale entusiasmo ed abnegazione Dragan e Dule si siano, e si stiano tuttora prodigando per rendermi la vita più agevole e gradevole, dimostrando come l'amicizia a volte sia più forte di una stretta parentela, ed in secondo luogo per fare conoscere a tanti amici che mi seguono quasi giornalmente e spesso, e per questo li ringrazio, con qualche apprensione, che mi sono sistemato bene a Natalincj, dove vivrò per sei mesi l'anno, cioè dalla apertura della caccia fino alla sua chiusura, addestramenti compresi, seguendo direttamente tutte le prove a Grande Cerca, prima in Grecia , poi qui in Serbia e quindi in Croazia, il Derby che non so ancora dove verrà fatto, ed in fine la Francia. Prove internazionali finite, me ne andrò un po' in Grecia, dove ho ancora amici affezionati, e quindi in Sicilia ospite del carissimo Sergio Pappalardo che mi sta tradendo in quanto, non pago di avere gia un eccellente breton di Dragan, ne sta comprando un altro imitato da Claudio Brischetto che, dopo avermi regalato Emy ed una bravissima pointer di nome Rho, sta imparentandosi con un bravissimo bracco tedesco di origine serba. Li farò piangere, a coturnici!!!!!!

1.12.2005 - NUOVI AFFISSI - In altra parte del sito ho accennato all'idea di richiedere altri due Affissi, uno in Grecia ed uno in Serbia. Ebbene questa idea si è concretizzata da qualche settimana in quanto ho presentato domanda ai rispettivi Enti Nazionali per la Cinofilia, il nostro ENCI per intenderci, al fine di ottenerne il riconoscimento con relativa convalida da parte della F.C.I. che ha sede a Bruxelles. Nel primo sono socio con il Prof. Evangelos Paraschevaidis, illustre Direttore del grandissimo ospedale di Joannina, con annessa Università, conferenziere di fama internazionale, appassionatissimo cacciatore e da qualche tempo anche di prove, un vero Gentleman, e non soltanto per la cinofilia, razza in via di estinzione anche in Italia, che potrei paragonare senza timore di sbagliare all'amico Angelo Mocchi, e che, come avrete letto in altra pagina, è possessore di alcune mie importanti femmine, una già affermatasi in Caccia a Starne, prima in Serbia dove ha anche fatto parte della squadra che ha partecipato alla Coppa Europa 2005, poi in Grecia dove è stata inserita, quale membro effettivo, nella squadra inscritta al Campionato Europeo pointer di Caccia Pratica, parlo di Gaia di S.Pellegrino (Ada X Milord), un'altra, Birba di Montalerangone (Zora X Tartaro) che si trova da qualche mese nelle mani esperte di Kanidis, sta confermando giorno dopo giorno quelle grandi qualità che da sempre evidenziava quale incontrista infallibile dotata di ottimo movimento e di grande mentalità. In Serbia, invece, ho come socio la bellissima ragazza che da qualche tempo mi accompagna ovunque, e che presto seguirà con me tutte le prove a Grande Cerca del cirquito internazionale a partire dalla Grecia e su su fino alla Francia, passando per la Serbia, per la Croazia e per l'Italia, se vi faranno il Derby: Milàna Lukic' che, seppure giovanissima, è appassionata di cani da caccia e da prove da molto tempo e sa condurli in allenamento con perizia, dimostrando grande sensibilità. Sono state proposte due serie di tre nomi ciascuna richiamanti tutti l'Affisso italiano: Montale Greco è il capofila della prima serie, mentre Montale Serbo è il capofila della seconda serie e compariranno su questo sito web con una aggiornatissima e perfetta versione inglese (non come quella approssimativa e piena di errori ed imperfezioni che il mio elementare inglese, di lontana memoria scolastica, vi ha fornito fino ad ora) perchè sia accessibile a tutti. Tutto ciò, ovviamente, se i due nuovi Affissi avranno l'autorizzazione da parte della F.C.I. Il perchè di tali richieste? L'essere costretto, e non soltanto per scelta di vita, a spostarmi come un migratore fra Italia, Grecia e Serbia e, quindi, la necessità di avere una base in ognuno di questi paesi per poter soddisfare in qualsiasi momento dell'anno le richieste di chi desidera avere uno dei miei cani.

27.12.2005 : BETTY  di Montalerangone sembra proprio essersi ripresa completamente dal pauroso e disastroso incidente occorsogli alcuni mesi fa a Tessalonica, anche se la zampa posteriore sinistra non ha ancora la forza e la muscolatura necessaria, ma i progressi sono stati tanti e tali da farmi ritenere che fra un paio di settimane avrà raggiunto i livelli di classe e potenza che aveva prima dello scontro con  il camion. Se ricordate, vi avevo narrato di quel giorno in cui, in ferma su starne, al passaggio di una bianca farfalla non aveva resistito e con uno scatto della sola testa l'aveva addentata ritornando subito in posizione di ferma, come se nulla fosse. Anche in tante altre occasioni aveva dimostrato grande interesse per questi graziosi animaletti, come pure per merli, allodole ed altri uccelli, utilizzando più gli occhi del naso, ma ora la sua passione per starne e fagiani (non disdegna le lepri) ne ha fatto una cacciatrice implacabile che difficilmente trascura o forza un selvatico, non degnando di uno sguardo tutti gli altri animali. E' continua nell'azione e nel rendimento, mantiene velocità e tensione per ore, allarga all'infinito quando il terreno è aperto mantenendosi sempre in contatto visivo, ma restringe la cerca con terreno sporco o cespugliato e difficilmente si lascia infinocchiare dai ghirigori degli astutissimi fagiani. E per di più riporta quasi correttamente. Una meraviglia che mi ripaga in parte dalle amarezze degli ultimi giorni, quando in poco tempo ho perso Zora e Fiona, tanto che ho deciso di affidarla a Darko perchè provi a renderla presentabile per il prossimo Derby.

27.12.2005 - ZORA di S.Pellegrino

 Ancora non ho digerito la sua morte ed il motivo principale è perchè mi ritengo responsabile della sua prematura scomparsa. Col senno di poi...Gia in estate ansimava quando restava chiusa sul furgone, anche con il climatizzatore acceso, ma pensavo fosse una reazione al caldo. Ricordo che continuò a farlo anche al sopravvenire dell'inverno, ma pensavo fosse perchè aveva qualche chilo in più e la mettevo a dieta. Notavo che aveva sempre la stessa mentalità e passione per la caccia, ma non aveva più la velocità e la resistenza di un tempo, ma pensavo che dipendesse dall'età avanzata. Le ho pensate tutte, insomma, ma non ho mai pensato a farla vedere ad un veterinario convinto come ero di capire i suoi problemi. Finchè un giorno è crollata. Avevo invitato a caccia nella mia riserva di Topola Zagni e Baricci e quest'ultimo mi aveva fatto notare che Zora non aveva certamente più la brillantezza di un tempo, ma cacciava divinamente tanto che gli aveva fermato una fagiana, facendogliela abbattere, crollando però  sulle ginocchia, sfinita, subito dopo. Io non la vedevo da un pezzo, come capitata spesso, e quando è ricomparsa lemme lemme, mi sono spaventato e l'ho portata immediatamente alla macchina, asciugandola e ricoprendola con una mia giacca. Respirava a fatica e sembrava chiedermi aiuto. La notte me la sono presa in casa al caldo, come facevo gia da qualche tempo, ma non riusciva a stare sdraiata come se le mancasse l'aria. Io e la mia compagna ci siamo messi a telefonare un po' ovunque alla ricerca di un veterinario, ma inutilmente, vista la tardissima ora. Soltanto uno era in piedi, ma stava assistendo il parto di una giovenca e non poteva abbandonarla. La mattina successiva, dopo una notte di disperata importenza, l'abbiamo accompagnata di buon'ora alla Università Veterinaria di Belgrado dove, avvertito telefonicamente da Dule, ci aspettava il Professor Yugovic, lo stesso che aveva rimesso in piedi Betty, che però, dopo aver visto la cagna, ci ha indirizzati immediatamente da un suo collega, specialista in pneumatologia e problemi respiratori. Si trattava di percorrere un breve tratto di un viale che separava le due costruzioni e Milana, per non affaticare Zora, l'ha presa in braccio dirigendosi con passo spedito all'edificio vicino, ma improvvisamente la cagna ha dato due scossoni, due sussulti ed ha reclinato inesorabilmente il capo all'ingresso dell'ambulatorio. il Dottore primario si è precipitato, le ha fatto una iniezione direttamente al cuore, ma Zora non si è più ripresa fra la disperazione mia, di Milana e del solerte Dule che non ci aveva mai abbandonati. Edema polmonare dovuto ad insufficienza cardiaca, il chè sta a significare che se lo avessi capito prima, con le cure adeguate forse avrebbe potuto vivere ancora, come fanno tanti cardiopatici in umana e non riesco a perdonarmi questa mia presunzione e superficialità. E' sepolta qui, a Natalinci, nel giardino della casa che abito. La fagiana di Baricci è stata la sua ultima ferma.

I dati relativi alle prove a Grande Cerca in Spagna ed il calendario primaverile sono stati trasferiti nella pagina "Prove 2006"

11 Settembre 2006 - Natalincj (Serbia) - A parte qualche breve apparizione in Italia per motivi inderogabili quali il rinnovo della patente ed un appuntamento con il mio dentista, rilevatosi poi inutile, ho continuato a vivere qui in Serbia, a Natalincj, nella mia graziosa casetta, sempre in fase di abbellimento e rinnovamento per avvicinarla il più possibile alle mie esigenze. Ed ecco la ragione per la quale mi sono allontanato dal computer per tanto tempo: alcuni segni premonitori, che si ripetevano giornalmente da alcuni mesi, mi hanno spinto a fare una Ecografia nella vicina Smederevo Palanka e questa ha evidenziato la presenza di un polipo del diametro di tre centimetri nella vescica. Una telefonata agli amici greci, Professori nel grandissimo ospedale di Ioannina e della annessa Università, nonchè possessori di miei cani come Birba di Montale R. e Gaia di S.Pellegrino del Prof.Paraschevaidis Evanghelos, e come Barone di Montale R. e Iole di S.Pellegrino del Dott.Paschopoulos Minas, ed eccomi dopo pochi giorni alla loro clinica per gli esami del caso, esami che hanno confermato la presenza di un tumore. Dopo che mi è stato fissato l'appuntamento per l'operazione, ritorno a Natalincj dove, in mia assenza, la bravissima Draghiza accudisce i cani e mi preparo psicologicamente all'evento. Mi ritrovo così all'ospedale di Ioannina due settimane dopo, abbastanza su di morale, pronto ad affrontare l'inevitabile. Il tutto riesce bene, nonostante la biopsia confermi la malignità del tumore, ed i sorrisi e l'ilarità degli amici Professori sono rassicuranti e me ne torno in Serbia dopo cinque giorni, nei quali ho sofferto abbastanza, pronto ad affrontare il futuro con una certa serenità e fatalismo. Giorno dopo giorno mi accorgo di essere ritornato quello di alcuni mesi prima ed un successivo controllo, con scopie e TAC, conferma che non ci sono metastasi e che tutto procede per il meglio, tuttavia gli amici,  in consulto con il chirurgo ed urologo e con un oncologo greco di fama internazionale, suggeriscono di fare sei settimane di radioterapia in forma precauzionale, per eliminare eventuali cellule cancerogene rimaste in circolazione e future metastasi. E qui si presenta il problema del "dove" fare questa terapia. Mi propongo a Belgrado perchè mi permetterebbe di andare al mattino e di ritornare all'ora di pranzo a casa, ma mi richiedono una ulteriore biopsia e mi rifiuto di farla, mentre Ioannina o, eventualmente Modena, sono troppo lontane e dovrei stare assente per troppo tempo mettendo in difficoltà Draghiza che ri troverebbe sola con una trentina fra cani adulti e cuccioli da accudire. A Schoplje, dove ci ritroviamo per una battuta di caccia nella riserva dei due amici Evanghelos e Minas, si decide per Tessalonika dove opera un oncologo amico di Paraschevaidis e che dista soltanto sei ore di strada da Natalincj e con cinque giorni di terapia, dal lunedì mattina al giovedì pomeriggio, mi permetterà di passare anche tre giorni a casa e, in caso di necessità, di essere in poche ore in Serbia. Incomincerò lunedì 18. Ho sempre tenuto la cosa segreta, ma prima poco a poco, poi con una velocità sorprendente, la notizia si è sparsa ovunque e non sempre adeguata alla realtà, tanto che qualcuno mi dà gia per spacciato,  quindi ho deciso di renderla pubblica, anche per giustificare la lunga assenza dal sito "montalerangone". Riprenderò a parlarvi dei mie cani vecchi e nuovi, dell'isola felice di Natalincj, delle prossime gare in Polonia e, come novità, intervisterò telefonicamente tutti gli addestratori di fama per aggiornarvi sui loro cani e, specialmente, sulle nuove reclute. Benritrovati, dunque.

13 Settembre 2006 - Natalincj - Ed eccoci al primo degli addestratori: TARGETTI - La maggiorparte dei suoi cani sono setter, ma sono tutti abbastanza giovani, come DINO del Sig.Lamberti, ZIKO del Sig.Fabbri, FIGO della Sig.na Kapster (spero di averlo scritto bene), poi TRUMAN del Sole, VENTO, PEDRO del Sig.Sancez e poi due Pointer: BOUQUET di S.Ruba di Jessica Bernardini e DRUSO di S.Pellegrino del Sig. Fanelli. Attualmente sono tutti in Polonia per completare l'addestramento e la preparazione alle prossime prove a Grande Cerca che incominceranno, se sono ben informato, la Domenica 8 Ottobre p.v. Il prossimo intervistato sarà Girangola.

1° Ottobre 2006 - Natalincj - Ho provato ripetutamente a telefonare agli addestratori professionisti che vanno per la maggiore, ma sono tutti in Polonia e non riesco a contattarli al numero di telefono in mio possesso: probabilmente hanno adottato, come faccio io in Serbia ed in Grecia per evitare il costosissimo Roming, SIM polacche delle quali non conosco i numeri e quindi mi trovo nella impossibilità di fare le interviste che vi avevo promesso. Sorry.

21 Dicembre 2006 - Natalincj - Dopo essere riusciti ad avere il "visa" per Draghiza, visto che stavamo rincorrendo da tempo e senza il quale è impossibile per i Serbi uscire dal loro paese, abbiamo fatto un programma di viaggio che prevede: il 26 dicembre, con partenza alle nove ed arrivo previsto intorno alle quindici, una breve visita a Tessalonica ed ai terreni in cui abitualmente alleno, con pernottamento in città e trasferimento a Ioannina il giorno successivo, per vedere gli amici Evanghelos ecc., poi il 28 a Jegumenitza, dove vive la madre di Minas che vuole conoscerci, per poi prendere il traghetto per Foggia dove, il 29, dobbiamo incontrare Iazzetta, al quale devo consegnare Andrea, il Signor Sabato al quale voglio restituire la sua setter rimasta a Natalincj alcuni mesi, in allenamento su selvaggina naturale, e Francesco che è tornato dalla Nigeria per passare le feste di Natale e Capodanno a casa, ma anche perchè attualmente da quelle parti non tira una buona aria. Non so dove pernotteremo, ma voglio essere a Reggio Calabria per il 30 per vedere Filippone e la sua deliziosa famiglia, per poi traghettarci in Sicilia, a Catania, ospiti nella bellissima villa di Sergio Pappalardo, dove gia ho vissuto parecchi mesi due anni fa, immersi nell'aranceto che attualmente dovrebbe essere meraviglioso, con ancora molti frutti pendenti, e dove incontreremo l'intero gruppo di amici, Claudio Brischetto e Davide Caruso in testa, gruppo con il quale ho passato giornate e serate piacevolissime e divertenti. Da qui il giorno 7 Gennaio ci trasferiremo a Potenza, a casa di Francesco Gerardi e della moglie Assunta per un paio di giorni, dopodichè la destinazione sarà Viterbo, per pranzare con Daniele Corbucci, ed arrivare nella stessa giornata a Modena per vedere mio figlio, mia sorella con i suoi figli e nipoti, poi una breve visita a Girandola e Zambelli, in quel di Piacenza, per poi tornare in Serbia l'11 o 12 Gennaio in attesa del parto imminente di Isabella. Naturalmente ci porteremo dietro qualche cane, quelli che hanno il passaporto, come Emy e Isabella, Alfred e Agata ed il gia citato Andrea con la setterina che scaricheremo a Foggia. Un viaggetto di due settimane e speriamo di avere tempo buono: gli amici non mancheranno, di questo sono sicuro e siccome resterò lontano dal computer per tutto questo tempo, auguro fin d'ora un buon Natale ed un buon Anno Nuovo a voi, ai vostri famigliari e, ovviamente, ai vostri cani.

21 Dicembre 2006 - Natalincj - Da oggi potete trovare il mio sito con una seconda versione:

                    

www.pointer-montalerangone.it

&

www.pointer-montalerangone.eu

 

29 Gennaio 2007 - Natalincj - Qualche tempo fa è venuto a Natalincj, dove possiede casa e canile, Libero Zagni accompagnato da una equipe televisiva della nota SKY, con la quale ha fatto un servizio riguardante l'attività del suo Allevamento, Del Zagnis appunto, riprendendo alcuni momenti di caccia e di prove. Come spesso accade, ho invitato tutti a cena a casa mia dove, dopo aver gustato tagliatelle alla bolognese ed un ruspante maialino allo spiedo, il tutto accompagnato da un vino rosso adeguato, gli ospiti hanno pensato bene di "sdebitarsi" registrando anche una breve intervista a me ed a Dule, in omaggio al paese nel quale piacevolmente vivo da tempo. L'ho visionato in anteprima e vi assicuro che è gradevolissimo ed esalta in maniera assolutamente realistica non soltanto il lavoro di Libero, ma principalmente l'ospitalità della gente, l'ambiente ed il modo di vivere d'altri tempi di una semplicità e veridicità che fa tenerezza, la bellezza e la varietà dei terreni nonchè della naturale fauna stanziale e migratoria che vi abita. Vedendo queste riprese ne noterete la corrispondenza con quanto da tempo racconto e scrivo su questo sito circa la bellezza di questa gente e di questi posti. Dategli un'occhiata.

Natalincj, 23 Febbraio 2007 - Quando l'ho saputo, è stata una grande sorpresa, una grande e gradita sorpresa: il Dott.Paolo Verdiani ha deciso di candidarsi alle prossime elezioni per il rinnovo del Consiglio del Pointer Club d'Italia. Buona fortuna, Paolo e ne avrai bisogno, prima perchè dovrai rivaleggiare con degli esperti di politica e di deleghe, con gente che è sulla poltrona da anni e non intende mollarla con rassegnazione, mentre altri inseguono la stessa poltrona da sempre ed hanno messo il pelo sullo stomaco nell'attesa, poi ne avrai bisogno, di fortuna, per quando sarai eletto, come in tanti ci auguriamo, perchè guidare una barca a vela quando il vento, non solo non è costante, ma spesso è contrario, non deve essere certamente facile nè agevole, specie se ci sono scogli e squali in giro. La tua serietà, la tua grandissima cultura, la tua lunghissima esperienza di cacciatore cinofilo e di allevatore, la tua voglia di conoscere e sapere, la tua disponibilità di tempo e danaro che ti hanno permesso di viaggiare in lungo ed in largo anche oltre i confini d'Europa, la tua onestà, correttezza, sensibilità, passione, ti hanno fatto crescere con un bagaglio tecnico, scientifico e umano tali da essere una garanzia per il Pointer e per i suoi appassionati estimatori. I miei lettori non sono tantissimi, ma sono tutti molto appassionati e puliti, e sono certo che, se hanno la tessera del Pointer Club, sapranno utilizzare la loro delega adeguatamente per aiutarti ad entrare in quel Consiglio che ha tanto bisogno di te. Per quel poco che conto, avrai tutto il mio appoggio, come tuo estimatore e come tuo amico e spero ti accompagni fino alla carica di Consigliere che ti spetta e che ti meriti, ed anche oltre, perchè no.

Natalincj, 26 Febbraio 2007 - Ho visto recentemente due cani che Darko addestra da qualche tempo, Missile e Mike della Brecciara, fratelli di cucciolata, come si vede, e setter inglesi. Il primo è un cane di buon carattere, buona mentalità, dal movimento buono, anche se non eccezionale, ma che non ha ancora capito di essere un cane da ferma, in quanto ha più voglia di correre o, per meglio dire, scorrazzare liberamente utilizzando gli occhi e non il naso, ancora un cucciolone, insomma, che ha più voglia di giocare che di lavorare, ma mi sembra abbia buone possibilità, interessanti quando maturerà. Il fratello, oltre ad essere un bel cane, dimostra tutt'altro carattere, serio e posato, sempre e dovunque voglioso di incontrare, di buona addestrabilità, bianco-marrone, un colore che nei setters amo molto, dalle caratteristiche tipiche del setter, morbido ed elegante, flessuoso come una sciarpa di seta quando va in ferma, di buona mentalità, ma che tuttavia, almeno per ora, non interpreta sempre la Grande Cerca, ma interessantissimo per una Caccia a Starne e forse, col tempo e con le starne serbe, impareggiabili, riuscirà ad aggiungere quei duecento metri che ancora, spesso, gli mancano. 

Natalincj, 2 Maggio 2007 - E' un po' di tempo che non scrivo dei cani sistemati sul furgone di Baraghini ed è ora che vi aggiorni: hanno mantenuto fede alle promesse ed alle premesse, assorbendo con disinvoltura l'addestramento che il giovane addestratore sommonistra con abilità, ma con delicatezza, stante la giovane età dei tre. Ercole continua a dimostrare di essere il più pronto e precoce tanto che, probabilmente, verrà fatto debuttare non in Ottobre in Polonia, ma alla prossima gara classica a quaglie di Ravenna. E' un cane di classe, carattere, avidità, mentalità, incontrista spietato, col quale è un piacere lavorare perchè impara con immediatezza quanto gli si insegna, mentre Esule, alla pari in tutto con il fratello, utilizza ancora più gli occhi che il naso e quindi ferma di meno. E la signorina Agata? E' un gioiellino di finezza ed eleganza, con grande mentalità e naso, con facilità di apprendimento, carattere gioviale, anche se ancora si lascia, a volte, distrarre dal volo di un'allodola che, col suo canto, sembra quasi irriderla. A Ottobre Baraghini presume che anche questi due saranno pronti e potranno debuttare, nella Grande Cerca, in Polonia e poi, se, come pare, verranno fatte anche alcune gare in Serbia, ai primi di Novembre, correre anche a Nis, dove potrò finalmente vederli e gustarmeli come fa un pointer quando "mastica" l'emanazione delle starne. Se son rose, fioriranno anche fuori stagione, col freddo.

11 Maggio 2007 - Da poco ho saputo che MICHELE JAZZETTA, l'allegro Pulcinella della Cinofilia Agonistica, ha avuto un incidente stradale mentre si recava, con la moglie e con Oscar Monaco, in Grecia ed è morto sul colpo, mentre i due compagni di vita e di viaggio, sono rimasti fortunatamente illesi. Per ora non so altro, ma al più presto vi darò altre notizie

Ed eccolo qui il caro, simpatico e bravo Jazzetta in una mia foto recentissima.

Qui si era a Tessalonica, in Grecia, e lo vediamo rappresentare la Serbia nella ultima edizione della Coppa Europa per Nazioni.

Ho scelto questa foto anche perchè si vede la struttura di Andrea di Montale Rangone, che Michele conduceva da qualche tempo, da me tante volte descritta, ma mai rappresentata. Si noti la buona testa, la lunghezza del collo e come esce dalle spalle, l'altezza del garrese con la linea dorsale retta che degrada sulla lunga groppa, un po' spiovente, la quadratura dell'insieme con perfetti appiombi poggianti su piedi piccoli e forti. Dopo Jazzetta non avrà altri addestratori, ma vivrà con me a Natalinci, in Serbia, per cacciare e montare. Grazie, Michele.

16 Maggio 2007 da Natalinci - Un mesetto addietro mi arrivò un invito, da parte del Professore Paraschevaidis Evangelos, proprietario, come sapete, di alcuni miei cani ed uno dei chirurghi che mi assistettero prima, durante e dopo la mia operazione all'ospedale di Ioannina, in Grecia, nel quale invito si richiedeva la mia presenza, come pointerman e come amico, alla riunione che si sarebbe tenuta qualche sera dopo, nella sala comunale di un paese il cui nome è "KRITIA" (si scrive Kritha), avente per oggetto la "creazione di una nuova zona per addestramento cani e per gare a caccia a starne e grande cerca" dal nome "ASIROS" (si scrive Ashros). Presenti tutte le personalità politiche, economiche nonchè una folta rappresentanza di cacciatori ed agricoltori e vi assicuro che non ho mai visto un'assemblea tanto numerosa ed eterogenea andare così d'amore e d'accordo. Tutti i notabili seduti ad una serie di tavoli disposti a ferro di cavallo, benaugurante, e tutti i posti microfonati e incomincia a parlare, come vuole la consuetudine, il primo, a desta o a sinistra non importa, per poi procedete di persona in persona, fino all'esaurirsi degli interventi, dopo di chè anche i restanti convenuti possono fare domande o esprimere pareri. Non ho capito una parola perchè il mio greco inizia con "calimera" e finisce con "calispera", buon giorno e buona sera insomma, ma, anche se la discussione si è protratta per ore, non ci sono stati alterchi nè scarpate sui tavoli e la conversazione è proceduta con l'evidente accordo di tutti, da filmare e da far vedere alle sedute condominiali italiane.Quando è stato il mio momento ho detto brevemente e semplicemente che le zone per l'addestramento e per le gare non sono mai troppe, ricordando la non felicissima edizione dell'ultima Coppa Europa per Nazioni, dove si è fatta la gara sui pochi ettari a disposizione, causa problemi con il ministero dell'agricoltura e gli stessi agricoltori per la lunga ed eccessiva pressione che quei terreni hanno dovuto sopportare, starne comprese, per mesi di allenamenti e gare. Mi è stato poi riferito che si tratterà di una estensione di alcune migliaia di ettari, leggermente ondulati e tutti a grano, tipo Andalusia, dove si potranno fare tranquillamente quattro batterie a grande cerca, senza che mai l'una calpesti il terreno dell'altra. Le starne non sono numerose, ma è stato deciso, con la sponsorizzazione del Prof.Paraschevaidis e del Dott.Paschopoulos, di immettere un congruo numero di starne catturate nella inesauribile "miniera" di Tessalonica. Fin'ora gli addestramenti erano gratuiti ed invece questi avranno un costo, anche se molto contenuto, ma ne varrà certamente la pena se i risultati saranno pari all'impegno, all'entusiasmo ed alle aspettative. Bravi a tutti, ma specialmente ad Evangelos ed a Minas, i miei bravissimi medici.

Natalinci, 1° Giugno 2007

 

- DOMANI, A MODENA, SI VOTERA' PER IL RINNOVO DELLE CARICHE DEL POINTER CLUB ITALIANO, VALIDE PER IL PROSSIMO TRIENNIO - IO, PER DELEGA, VOTERO' PER IL DOTTOR VERDIANI PAOLO, NOTO ALLEVATORE, CACCIATORE, GIUDICE INTERNAZIONALE E SCRITTORE, PERCHE' HO GRANDE FIDUCIA IN LUI E PERCHE' SPERO CHE POSSA FARE USCIRE IL POINTER DAL GHETTO IN CUI SI TROVA DA MOLTI, DA TROPPI ANNI -

 

Natalinci, 15 Giugno 2007 - Voglio semplicemente scusarmi se non ho continuato nella mia critica ad una parte della dirigenza del P.C.I., con immediatezza, ma ho dovuto venire in Italia per due TAC e per altri esami al solo scopo di controllo e prevenzione del problema di cui ho parlato qualche tempo addietro e col quale non vi voglio infastidire più a lungo.

21 Agosto 2007 - Natalinci - Nei giorni scorsi Fabio Garanzini, che aveva già preso da me Esule ed Ercole di Montale Rangone (Emy di S.Pellegrino x Fiano del Volturno), nonchè Agata di Montale di Serbia (Betti di Montale Rangone x Andrea di Montale Rangone), si è accaparrato anche il fratello di quest'ultima, Alfred di Montale di Serbia, dopo un mese di attenta prova. Sono tutti sul furgone di Fabrizio Baraghini e per i primi tre c'è la possibilità che debuttino fin dal prossimo Ottobre in Polonia. Una buona parte del futuro dei pointer di mio Allevamento sono nelle mani di due intraprendeti ed appasionatissimi giovani, uno come proprietario e l'altro come trainer ai quali, anche nel mio interesse, devo fare tutti gli auguri di questo mondo. Gli altri sono: Ardesia di Montale di Serbia, sorella di Agata e Alfred, di proprietà di Francesco Gerardi che l'ha affidata al furgone di Ricard Simeon, Emilia di Montale Rangone, sorella di Esule ed Ercole, di proprietà delle gemelle Stephanie e Daniela Staubli, residenti in Svizzera, affidata alla frusta di Girandola, Druso di S.Pellegrino (Alle di S.Pellegrino X Milord di Groppo) e Drink di Montale Rangone (Zora di S.Pellegrino X Bernis di Vallerotana) sul furgone di Targetti,  Barone di Montale Rangone (Zora di S.P. X Tartaro del Vento) e Diuk di Montale Rangone (Zora di S.P. X Bernis di V.) in Grecia sul furgone di Mavridis, Gaia di S.Pellegrino (Ada di S.P. X Milord di Groppo), sempre in Grecia, ma sul furgone di Kanidis. Soltanto Druso (2002), Gaia (2003) e Barone (2004) hanno gia raggiunto la maturità, ma tutti gli altri sono giovanissimi e per loro nutro grandissime speranze. Forza ragazzi! Siete in undici e potete fare una bella squadra.

21 Agosto 2007 - Natalinci - In questi giorni sono venuti a trovarmi Francesco Gerardi (Allevamento Pointer "Piano del Conte" di Potenza) e la moglie Assunta: una permanenza breve, ma impregnata di affetto e stima reciproca, come dovrebbe essere sempre fra padre e figli, e mi hanno portato un figlio di Andrea, dal nome incredibile, come incredibile è la sua bellezza, carattere, armonia di costruzione e di movimenti, un sogno insomma. Bravo Francesco! Volete scommettere che è riuscito a tirare fuori quelle belle teste che per me hanno quasi sempre costituito un hendikap?

21 Agosto 2007 - Natalinci - Ancora una bella notizia: Baraghini e Taccon stanno per andare, su invito e con l'organizzazione di Fabio Garanzini, in Lituania ad allenare i loro pointer e setter sulle starne che, per sentito dire, sono numerose e sparse su terreni ampi e ben serviti da strade e stradette. Le frontiere della nostra cinofilia agonistica si allargano sempre più, alla ricerca costante e quasi spasmodica di starne e terreni atti alla pratica della Grande Cerca, ma ben vengano se raggiungeranno il fine. A guardare la carta geografica e mettendo come fulcro Modena, la Lituania non è più lontana di Jerez de la Frontera in Spagna o di Tessalonica in Grecia e, se la Polonia si esaurirà causa l'eccessiva pressione venatoria, potrebbe essere un'ottima sostituta, se supportata da buoni organizzatori ed appassionati cinofili come, appunto, Fabio Garanzini. Ne sapremo di più al rientro di Baraghini e Taccon e vi riferitò.

5 Settembre 2007 - Natalinci - Ed allora, com'è la Lituania? Terreni bellissimi, aperti all'infinito che possono contenere anche quattro-cinque batterie di inglesi, coltivazioni differenziate che si alternano con piacevole regolarità, terreno morbido e di facile drenaggio, ventilazione costante e sostenuta causa la vicinanza del mare, agricoltori cortesi e tolleranti, organizzazione cinofilo-venatoria ben strutturata e disponibile, ma starne di difficile reperimento in questo periodo stante la vegetazione troppo alta prima dell'imminente raccolto. L'impressione ricevuta da Baraghini e Taccon è stata ottima se riferita al periodo primaverile o tardo-autunnale ed i costi sono molto contenuti ed accessibili, particolare da non trascurare. Presto andrò a fare un giro da quelle parti con qualche cucciolone.

Natalinci, 13 Dicembre 2007 - Domenika 16 partiremo, io, la mia kompagna e kualke kane, kon destinazione Grecia, prima, e Italia, poi, passando da Tessalonika, dove voglio fare inkontrare kualke starna ai kuccioloni, Ioannina dove mi sottoporrò a kualke esame per monitorare la mia kondizione fisika e visiterò alkuni amici, Minas ed Evanghelos in primis, per prendere poi il traghetto a Jegumeniza e sbarkare a Bari da dove ci trasferiremo a Potenza per passare il Natale kon i figliocci Assunta e Francesco Gerardi. Poi la Sicilia ke, frankamente, mi manka un po', kome mi mankano alkuni amici, specialmente Sergio Pappalardo, Claudio Brischetto, Gaetano Laganà, Davide Caruso..... Passeremo poi da Ortona per vedere Carlo Mastrorazio e Albana di Montale Rangone, ke è kui in prova, e da Viterbo a far visita a Daniele Corbucci, ke ha in visione Olimpia del Duda, mentre la destinazione successiva, a kavallo dell'Epifania, sarà la mia città natale, Modena, e poi Piacenza a vedere l'amiko-fratello Zambelli Sandro e, in fine, il rientro in Serbia alla trankuilla, pikkola e serena Natalinci a rivedere, finalmente i miei cuccioli ke, nel frattempo, saranno kresciuti e pronti alle prime uscite, neve permettendo. Komplessivamente seimila kilometri, cirka, in venticinkue-trenta giorni. Non so se e kuando potrò kollegarmi kon internet e kuindi faccio a tutti kordialissimi saluti ed auguri per un buon Natale ed un ankora migliore Anno Nuovo.

 

Natalinci, 28 Marzo 2008 -

All'asta e successivamente, sono stati assegnati soltanto sei kuccioloni e ritiro gli altri dal merkato. Kualkuno ke sembrava molto interessato non si è più fatto sentire ed io non ho nessuna intenzione di rinkorrerlo. Forse ha fatto bene e forse no, staremo a vedere, ma nel gioko ci può stare anke ki kambia idea.

 

Natalinci, 2 Aprile 2008 -

Non so kome skusarmi, ma proprio nei giorni della tanto attesa Koppa Europa un inghippo al mio komputer mi ha impedito di komunikarvi kon immediatezza l'evolversi, ora per ora e giorno per giorno, della situazione e l'avvicendarsi dei turni. Ho visto ke il vostro interesse è stato altissimo, alla pari del mio perkè direttamente interessato per la presenza di alkuni pointer di mia origine, ma le mie kapacità teknike sono molto limitate e soltanto l'aiuto di un bravo tekniko della vicina Topola mi ha ridato finalmente la possibilità di skrivere. Sono certo ke skuserete la mia ignoranza ed il konseguente ritardo.

 

Natalinci, 2 Aprile 2008 - La primizia, ke tale non è più visto il ritardo kon kui l'ho pubblikata, era kuesta:

la F.C.I. nella riunione del 29 Marzo u.s. ha fissato il kalendario per le Koppe Europee dei prossimi tre anni assegnandone l'organizzazione alla Germania per il 2009 ,alla Serbia per il 2010, in seguito alla rinuncia del Belgio, e all'Italia nel 2011. Un atto di giustizia e di rikonoscenza nei konfronti del Paese ke mi ospita e ke, mi pare, suoni un po' kome un rimprovero alle recenti decisioni prese dall'ENCI di ritirare i propri CACIT ed i propri Giudici dalle programmate gare di Marzo in Serbia. Bravi e koraggiosi, un po' meno in Italia.

24 Aprile 2008, Natalinci - Oggi, finalmente, vengono ad installarmi un nuovo komputer e speriamo di non avere più problemi. Nel frattempo una parte degli skritti, non molti, sono andati persi e la loro rikostruzione mi riesce difficile, ma non erano argomenti molto importanti, kuindi lascio perdere. Intanto dò notizia ke ho kambiato due akkoppiamenti: nel primo ho sostotuito Fiano, da me irrangiungibile perkè in Francia, kon Andrea di Montale R., nell'altro lo stesso Andrea kon Cieusmi di Piano del Konte (nella pag.Allevamento troverete le ragioni dei kambiamenti).

30 Luglio 2008 - Natalinci - Ekkomi finalmente kon kualke nuova e buona notizia: a parziale modifika di kuanto sopra skritto, in seguito alla rinuncia della Germania, nel 2009 la Koppa Europa si korrerà in Serbia, a Nis e dintorni e kui sono gia tutti in fibrillazione e gia sono iniziati kontatti, riunioni, studi, approfondimenti, programmi vari.......Bel sagnale!

30 Luglio 2008 - Natalinci - Altra bella notizia, ankora non ufficiale e da konfermare, ma fondata è ke a Novembre si effettuerà, sempre a Nis, una settimana di prove a Grande Cerca e Caccia a Starne, in giorni ankora da definire, ma certamente dopo il ciklo delle prove in Polonia. Vi konfermerò la notizia kuando ne sarò certo.

30 Luglio 2008 - Natalinci - Ankora un'anteprima: sembra ormai assodato ke a partire dal 2009 anke il Kampionato Pointer, oltre al Kampionato setter ed alla Prova d'Eccellenza, si faranno nella stessa Nazione dove verrà korsa la Koppa Europa kuindi l'anno prossimo la Serbia, per prima, attuerà kuesto nuovo ed intelligente programma: Koppa Europa, Kampionato Pointer, Kampionato Setter, Gara d'Eccellenza, ma non so ankora in kuale ordine. Era ora! Sarà una settimana fantastika se il tempo sarà clemente.

30 Luglio 2008 - Natalinci - Ma non ho ankora finito perkè, anke kuesta è una notizia ke abbisogna di konferma ufficiale, sempre dal prossimo 2009 il Kalendario Prove a Grande Cerka avrà il seguente ordina: Spagna, Grecia, Macedonia (e kuesta è la novità), Serbia, Francia, Belgio, estremamente interessante per i konduttori, specialmente, ke, a parte la Spagna, avranno un tur ininterrotto ed agevolato negli spostamenti, ma interessante anke perkè la Macedonia, ke visito frekuentemente, ha terreni adattissimi alla Grande Cerka e starne in abbondanza, anke se la cinofilia agonistika è kuasi skonosciuta.

24 Settembre 2008 - Natalinci - Il Dottor Verdiani mi ha skritto per kiedermi konferma, ke lui non ha avuto da altre fonti, sulla veridicità di kuanto ho sopra dikiarato, relativamente allo svolgimento della prossima Koppa Europa in kuel di Serbia, ebbene debbo haimè ammettere ke si trattava, e l'ho saputo soltanto molto tempo dopo, di una utopia in kuanto la Germania, ke effettivamente in un primo tempo aveva dikiarato ke avrebbe rinunciato al privilegio di organizzare la Koppa ke gli spettava di diritto nel 2009, per vari motivi, ha poi avuto abbokkamenti e garanzie varie kon ki di dovere ed ha alfine deciso di assumersi gli oneri e gli onori di tale bellissima, ma impegnativa manifestazione. Mi dispiace specialmente per Dule ke aveva gia messo in moto la makkina organizzatrice, ben ogliata da anni di esperienze in Grande Cerka a Nis e dintorni, kon ormai la certezza, ke poi si è dimostrata, kome dicevo, soltanto utopia, di poter anticipare di un anno lo svolgersi della Koppa Europa in Serbia. Porta pazienza ragazzo, sei ankora giovane e puoi aspettare ankora un anno per realizzare il tuo sogno e kuello di tutta la Serbia e, ne sono certo, di tantissimi amici italiani. Kuindi: la Koppa si farà in Francia l'anno prossimo kon la titolarità della Germania e nel 2010 in Serbia.  

 

Natalinci, 30 Dicembre 2008 - Kuesta è la lettera ke ho ricevuto in giornata dalla "lega nazionale per la difesa del kane" e ke pubbliko non perkè mi è stato kiesto di "diramare la notizia", ma perkè la ritengo semplicemente vergognosa ed i perkè li ho deskritti nella risposta.

 

salve mi chiamo eva puledda, faccio parte della lega nazionale per la difesa del cane. oggi è stato chiuso l'allevamento di pointer del veterinario Guberti Giorgio. le associazioni di ravenna ci hanno contattato perchè devono sistemare 250 pointer dell'allevamento. potreste aiutarli prendendo nel vostro allevamento alcuni tra questi. grazie mille. Ps. o per lo meno diramare la notizia. la situazione è di  estrema emergenza. grazie mille

 URGENTISSIMO

da chiliamcisegua

i cani devono essere portati via al piu' presto da  osteria è una emergenza vera, immediata sono al limite della sopravvivenza , affamati, infreddoliti, impauriti, terrorizzati
i volontari di animal liberation sono pochi e sono stremati dalla fatica,dopo una settimana di picchettaggio in cui, beffando il veterinario hanno sfamato e abbeverato quelle disgraziate creature hanno sgomberato l'allevamento privato, 80 cani strappati dalle mani del loro carceriere, quello in casa del guberti e sono alle prese con i 250 cani del secondo allevamento
aiuto!
mobilitiamoci, una volta tanto,ma davvero, diamo prova di essere tutti per uno e uno per tutti, sacripante!
guiberti presagendo i provvedimenti ha continuato a giocare a rimpiattino coi volontari , ripetiamo pochi a controllare due allevamenti,  e imperterrito sottrae alla salvezza, qualche disgraziato che senza scampo torna così nelle sue  mani.
servono braccia e occhi doppi,tripli, quadrupli per non permettere a guberti di ritornare ad essere veterinario allevatore orgoglioso del suo metodo di selezione naturale!
guberti si è appellato al tar  e la stessa attesa della sentenza che può arrivare anche domani, è un pericolo per la salvezza di tutti,  ripetiamo di tutti pointer
aiutateli!
questo e' il grido che lanciamo in soccorso di povere bestie che vedono uno spiraglio di  luce in noi e che si possono ritrovare a morire di stenti in un attimo, se non li stalliamo presto prestissimo, in una corsa contro il tempo

servono stalli, ripetiamo, chiunque abbia un posticino , chiunque voglia contribuire a formare una catena di solidarietà, si metta in contatto con lorenza o con lia, e corra a osteria, corra dai condannati a morte, offra loro un riparo, cibo e una carezza e la vita.

grazie

chiliamacisegua
contattare lorenza 3802936 e lia 39341866 corinna 3351376957

250 cani al freddo e gatti maltrattati allevamento ravennate
Controlli Corpo Forestale. Proprietario denunciato altre volte
RAVENNA, 29 DIC - Oltre 250 cani pointer rinchiusi al freddo, uccelli vivi
usati come prede e alcuni gatti selvatici in gabbia tra escrementi e pezzi
di carne putrida. E' quanto hanno trovato gli uomini del Corpo forestale
dello Stato nel corso di accertamenti in un grande allevamento di cani da
caccia, in localita' Osteria, nel Ravennate. I cani erano in condizioni
igieniche precarie. Il proprietario era gia' stato denunciato per
maltrattamento di animali.
 

Risposta:

Potrei ospitare qualke kane, ma non voglio perkè non intendo assekondare la Vs.superbia, la Vs.presunzione e la Vs.kattiveria nei konfronti di un  uomo di ottant'anni ke, per kuesto, potrebbe morire di disperazione. Ma a Voi ke ve ne frega: è più importante un kane di un uomo, e ke uomo. Ve lo
illustrerò brevemente perkè possiate kapire a kuale allevatore state levando il sangue: se foste abbastanza kompetenti in materia e Vi prendeste la briga di aprire un kualsiasi pedigree di pointer, vedreste ke genetikamente vengono tutti, ki più e ki meno, dal glorioso Allevamento "del Vento" e ke kuindi in kuasi tutti i pointer vi è del sangue Gubertiano e perkè tutto ciò? Se Voi foste allevatori o semplicemente appassionati di una razza e aveste una femmina e la voglia di farVi una kucciolata, andreste alla ricerka del maskio migliore ke c'è in cirkolazione, oppure no?

Vi preokkupereste forse di vedere kome è stato allevato, oppure kontrollereste soltanto kome è kostruito lo stallone, ke karattere ha, se è intelligente, se ha le karatteristike ke kuella razza deve avere, ke figli ha dato e ke blasone ha? Kuesto dovrebbe essere interessante ai fini di avere una kucciolata kome Dio komanda e ke possa darvi kuelle soddisfazioni, venatorie o agonistike, ke un kualsiasi Allevatore si auspika i propri prodotti raggiungano e perkè no, fino ad emulare il glorioso genitore "del Vento", ma nessuno c'è ankora riuscito nonostante noi diamo da mangiare ai nostri soggetti preziosi e kostosi prodotti, li alloggiamo in komode e, a volte, riskaldate kuccie, kon integratori vitaminici, latte, uova, miele, pasta, per non dimentikare le lettiere igienizzate al punto ke anke noi potremmo dormirci, cibi e giacigli ke molti immigrati ed anke molti italiani, oggi kome oggi, non possono permettersi. Ma siamo proprio certi ke kuesti sistemi di allevamento siano proprio i più adatti ed i più kongeniali ai fini di ottenere dei buoni pointer (ma potrebbe andare bene a kualsiasi razza da lavoro)?

Io sono andato spesso e "volentieri"  a visitare il Dott.Guberti
e pur trovandolo persona kolta, intelligente e spassosissima, non ho mai kondiviso i Suoi metodi, sia per kome alimentava ke per kome akkudiva i Suoi kani, ma non mai avuto la certezza ke il mio metodo fosse migliore del Suo perkè non ho mai avuto i risultati ke Lui ha ottenuto affidando i Suoi soggetti ad addestratori famosi kuali Botto,Baldoni, Lombardi......ke hanno dominato in kampo agonistiko in tutta Europa e per anni, portanto sul podio più alto i kani ed i kolori italiani. Ma sono moltissimi i pointer kampioni di tutte le Nazioni Europee ke hanno nel loro sangue geni "del Vento" ed anke kuesto dovrebbe farVi riflettere e spingerVi non a dileggiare, disprezzare ed offendere il più grande Allevatore di pointer ke l'Italia e, forse, l'Europa abbiano mai avuto, esponendolo alla fin troppo facile presa del pubbliko ludibrio nazionale ed internazionale. Vergogna!

 
Io, ripeto, non ne kondivido i metodi, ma kome Allevatore Lo ammiro e, ankor più importante, gli porto rispetto e se "Lui" mi kiedesse di tenergli dieci, venti kani, vivendo io in Serbia, mi precipiterei a Osteria kon il mio furgone e Gli "ospiterei" kon tutto il kuore, ma kon i miei metodi, tutti i pointer ke Lui avesse la voglia di affidarmi, restituiendoglieLi allorkuando tutto sarà rientrato nella normalità, kosa ke mi auspiko e ke Gli auguro di kuore, in modo partikolare in kueste giornate ke dovrebbero essere per tutti di gioia e serenità. Ma a Voi diko NO, non voglio aiutarVi in alkun modo fino a kuando anteporrete l'esistenza di un kane, ke io amo appassionatamente, a kuella di un uomo ke io rispetto kome
maestro, per il Suo genio e la Sua kapacità di Allevatore di pointer.

ferrari gianfranko allevatore dei pointer di "Montale Rangone".


un altro intervento:

SIGNOR ferrari abbia la decenza di dire che lei non ama i cani che li considera solo oggetti...Guberti ha violato tutte le leggi relative al benessere animale...che ne direbbe lei di vivere al freddo in mezzo agli
escrementi mangiando pane duro?
se aiutava i cani aiutava i cani non le persone...ma già nella sua mente distorta i cani dovevano stare li a soffire per la gioia di un vecchio di 80 anni...ma si sente legge cosa dice le sembra che abbia un senso ?
bhè se togliere i cani da quelle condizioni significa mettere il bene del cane davanti all'uomo...ben venga i cani innanzi tutto ...
e la prego non usi in maniera inappropiata lo spirito del natale...come cristiana mi sento profondamente offesa!!!!!

mirto angela caserta

 

la mia risposta

Se mangiare pane duro e vivere fra escrementi mi conserva integra la mia dignità è certamente preferibile, per me, al vivere nell'agio e nel lusso, acciambellato su un caldo divano, soltanto per soddisfare  una presunzione di superiorità ed assecondare l'oblio di passate colpe o negligenze. Forse
la vita le è stata matrigna o, forse, lei non ha saputo coglirne che le  parti peggiori, ma non confonda l'amore per i cani con la Cristianità, per amore di Dio! E non mescoli i cani da compagnia con i cani da lavoro! Ha mai visto come vive e lavora un pastore maremmano e come vive e lavora lo stesso pastore, perennemente nel fanfo, al freddo ed al gelo, a pane e acqua, o poco più, entrambi? Scommetto che le fa più pena il cane del proprietario. Il pointer, come tutti i cani da caccia, deve essere allenato a sopportare fame, sete, disagi e fatica, come il cacciatore che lo accompagna, perchè poi nell'espletamento della caccia, tutto ciò tornerà utile ad entrambi, ma probabilmente anche alla caccia è contraria perchè la ritiene cruenta ed inutile, ma qui ci inoltriamo in un terreno pantanoso dal quale rischiamo di non uscire più. Io ho fatto il servizio militare quando ancora era obbligatorio, "di leva" si chiamava, ed gli allenamenti ai quali io ed i miei commilitoni venivamo sottoposti non erano certamente leggeri, anzi, erano massacranti, ma presumibilmente necessari dovendoci preparare, si diceva, alla vita, ma in realtà era una preparazione alla morte in caso di guerra, eppure nessuno si ribellava o si scandalizzava se ci facevano fare dieci ore di marcia pesante, a volte sotto la pioggia, a volte sotto un sole insopportabilmente caldo e la sera dormire all'addiaccio nei campi estivi, eppure non è sorta neppure l'idea di una "associazione italiana per la protezione del militare di leva".
Il cane da caccia, per tornare a noi, deve essere forte, coraggioso e, all'occorrenza, cattivo perchè deve sapersi difendere da eventuali cani da guardia o randagi, deve saper affrontare fatiche e disagi, deve poter cacciare al caldo ed al freddo, deve resistere alla fame ed alla sete, così come, esattamente, deve saper fare il suo "padrone" o, meglio,amico fraterno e compagno, è auspicabile, non solo di caccia. Questo si chiama "addestramento ed allenamento", ma non va assolutamente scambiato e  confuso con "maltrattamento" che è tutt'altra cosa e non fa parte del mio bagaglio culturale e di allevatore. Le sarei grato se non rispondesse più alle mie osservazioni perchè ritengo che il nostro sia un conversare inutile perchè entrambi "sordi". Fra poco mi accingerò a scrivere una lettera che mi ha mandato il Presidente pel pointer e setter club serbo, il Signor Dusko Sormaz, con la preghiera di pubblicarla su mio sito per renderla pubblica e la pregherei di leggerla e poi di dimenticarsi di me.
ferrari gianfranco

Natalinci, 5 Gennaio 2009 - Lettera di Dusko Sormaz, Presidente del "Pointer e Setter Club" Serbo, kon oggetto il Dott.Giorgio Guberti, titolare dell'Affisso dei Pointer "Del Vento" -

Io non conosco abbastanza bene la lingua italiana e pertanto mi affido all'amico "barba" perchè metta giù correttamente quelli che sono i miei pensieri circa il trattamento riservato da una Associazione "Umanitaria" italiana al Dottor Giorgio Guberti, famosissimo Allevatore dei gloriosi Pointer "del Vento", pointer che tutto il mondo conosce e vorrebbe averne almeno uno nel proprio canile. Allorquando proprio il "barba" mi comunicò ciò che era accaduto al simpatico Dottore, feci fatica a crederci e mi misi al telefono per avere conferme o dinieghi da parte di altri cinofili italiani, ma purtroppo dovetti ben presto convincermi che il disastro era veramente accaduto. Io sono sincero amico, oltre che appassionato di cani da caccia, pointer specialmente, di Guberti e sono andato spesso a trovarlo, ho ascoltato con rispetto quasi adolescenziale i Suoi discorsi, le Sue critiche, le Sue descrizioni dettagliate di ogni cane, ho guardato alcuni Suoi soggetti, con malcelato desiderio e con ammirazione, per la loro costruzione, la loro eleganza, potenza,  per i movimenti sublimi, belle teste, colli lunghi, arti con angolazioni perfette, così come i piedi e le code, e le impareggiabili espressioni infuocate, al limite fra la follia e la genialità, ma ho anche avuto delle impressioni negative quando ho assistito ai pasti, quando ho visto dove dormivano, sulle lettiere che Lui chiamava "permanenti" che, composte da escrementi e paglia, sprigionavano certamente calore come avviene con lo stallatico dei bovini, ma che, a guardarsi, non facevano certamente una bella impressione. Poi mi scioglieva i cani di casa per farmi assistere alle loro corse sfrenate, mostrandomeli mentre faceva il nome di ciascuno di loro, non trascurando i nomi dei genitori e dei nonni, dimostrando una memoria incredibile alla Pico della Mirandola, inscalfibile anche allorquando, per provarne la credibilità, gli chiedevo, dopo alcuni passaggi davanti a noi dell'orda selvaggia, come si chiamasse quel cane di cui avevo memorizzato la pezzatura e infallibilmente mi ripeteva lo stesso nome detto dieci minuti prima. Fra di loro ve ne era anche qualcuno non in perfette condizioni fisiche, un po' dimagrito o zoppicante o con un orecchio sfrangiato o il pelo opaco, ma chi non ha avuto nel proprio allevamento qualche incidente, qualche litigio, specialmente allorchè abbiamo avuto una femmina in calore o, semplicemente, perchè quel tale maschio vuole dimostrare la propria supremazia e quel giovanotto impertinente, invece, non si lascia intimorire, oppure un altro tenta di superare il recinto e resta impigliato nella rete metallica procurandosi ferite che richiedono molto tempo per rimarginare o distorsioni e strappi muscolari che poi gli danno una perenne zoppia, oppure ancora un altro che ha problemi intestinali e le ripetute somministrazioni di antiparassitari non hanno sortito alcun effetto e resta smagrito mostrando un aspetto sofferente, od ancora ti alzi un mattino e trovi un cane morto nel box senza riuscire a capire il perchè, perchè che poi l'autopsia dirà trattarsi di torsione dello stomaco imprevedibile e quasi sempre mortale, od ancora ti ritrovi con un soggetto che tossisce costantemente nonostante il clima clemente e asciutto ed il tuo veterinario scopre poi trattarsi di un micidiale "forasacco"  che ti porta a ripetuti interventi chirurgici nella speranza, quasi sempre delusa, di trovare il maledetto che si sposta in continuazione, irraggiungibile, fino a far assomigliare il povero cane, tutto ricucito, ad un pallone da calcio. Ma andiamo al verbale della Forestale che appare impietoso perchè descrive la situazione in cui ha trovato alcuni soggetti senza, ovviamente e naturalmente, ricercarne le cause non essendo Sua competenza, verbale che descrive tutto ciò che è stato appurato nella visita fatta dagli ispettori e che appare impietoso ed inclemente, ma realistico e che certamente può suscitare lo sdegno e la disapprovazione da parte di chi non è addetto ai lavori, ma una tanto vantata "Associazione italiana per la protezione del cane" presumerebbe avere tutte quelle casistiche, nel proprio bagaglio culturale, che ho appena sopra elencato, ed invece si è buttata a capofitto nella classificazione del canile a "lagher" e, quindi, il Guberti quale spietato ed insensibile aguzzino e carnefice, che tiene i cani in modo indegno di un essere umano, con pubblicazione di foto di soggetti ammalati e malmessi, accompagnate da parole e commenti di sdegno e rabbia, facendo apparire il Dottore, che è laureato in veterinaria, un essere di cui vergognarsi per le Sue crudeltà, sapendo di  avere fin troppo facile presa sulla opinione pubblica italiana, specialmente bambini, che già da anni vengono martellati da incessanti campagne denigratorie sulla caccia e sui cacciatori, mentre negli altri paesi europei, compresi anche quelli culturalmente e civilmente più evoluti quali Austria, Francia, Gran Bretagna, Germania, ecc., ma specialmente nei paesi dell'Est europeo, come Polonia, Slovenia, Cechia, Ucraina, Croazia, Serbia, Ungheria, Bulgaria, ma anche Grecia e Spagna, l'esercizio venatorio non solo è tollerato, ma fa parte del bagaglio culturale e viene rispettato e seguito anche da programmi televisivi che coprono una fascia importante nelle loro trasmissioni, quale antica ed imprescindibile tradizione e manifestazione dell'essere umano. Le foto che codesta "Associazione" ha pubblicato, se andate a visitare il suo sito, ma potete anche non farlo perchè vi assicuro che non merita tanta attenzione, sono sempre relative a soli tre-quattro cani che vengono subdolamente scattate da posizioni diverse per dare l'impressione della molteplicità dei soggetti ammalati o sofferenti o malnutriti, e che si affretta a dichiarare questi pointer come la stragrande maggioranza dei trecento e più cani visionati. Anch'io ho visto alcuni soggetti particolarmente sofferenti, ma la causa, in generale, era dovuta all'età che si aggirava fra i dodici ed i quindici anni, ed alla mia domanda perchè non provvedesse a sopprimerli, vista la evidente inguaribilità, la risposta era: "questi sono stati miei compagni di vita, mi hanno dato tante soddisfazioni, sono stati, e sono, come fratelli per me e quando moriranno, ciò avverrà naturalmente". L'ho visto in più occasioni curare ed operare personalmente i suoi cani, l'ho visto andare alla ricerca, per ore e chilometri, con il Suo furgoncino, di cibo, specialmente carne, non fresca, naturalmente (e come avrebbe potuto permetterselo), di pane e di pasta, di scarti di ristorante, l'ho visto e letto primeggiare con i Suoi pointer nelle manifestazioni cinofile europee più importanti, facendo onore all'Italia ed all'ENCI che, fino ad oggi, non ha dato segni di interesse, che io sappia, per quanto accaduto ad uno dei suoi più grandi allevatori se non prospettando la eventuale opportunità, a feste finite, di togliere l'Affisso "del Vento" dall'elenco degli allevatori italiani, l'ho visto accudire le sue creature fino alle tre/quattro del mattino con qualsiasi clima, ho visto personalmente ed ho saputo di proprietari di pointer venuti da ogni dove per coprire con i suoi stalloni, ma tutto questo, oggi, non pare abbia più nessun valore ed anche qualche amico gli sta voltando le spalle, purtroppo. Ed a proposito del cannibalismo riscontrato voglio raccontarvi di due episodi che mi sono capitati, uno quando ero bambino e l'altro pochi mesi addietro. Avevo la passione, anche da piccolo, di cacciare gli uccelletti con la fionda ed un giorno ne ferii uno che disperatamente si mise a strillare contorcendosi a terra e fu allora che da ogni parte arrivarono altri passerotti che si accanirono su di lui fino alla morte. Nell'altro più recente episodio, nel mio piccolo canile vi è una staccionata in listelli di legno alti un metro e venti centimetri che separa due box e mentre stavo dedicandomi alla potatura di alcuni alberi da frutta, l'urlare disperato di uno dei cani ha attirato la mia attenzione e, quando finalmente sono arrivato appresso, ho visto che uno, nel tentativo di scavalcare lo steccato, era rimasto impigliato con una zampa anteriore fra due dei listelli e gli altri cani, sentendolo piangere, gli si erano scagliati contro mordendolo da tutte le parti con l'evidente scopo di finirlo e ciò probabilmente sarebbe accaduto se non fossi stato presente nella circostanza, ed è stata una vera fortuna perchè io non abito in questa mia seconda casa, ma a Belgrado. Questo non è "cannibalismo", ma tutt'altra cosa. La Presidente della sunnominata Associazione lo ha fatto apparire come un delinquente, un uomo del quale la cinofilia e non, deve liberarsi al più presto, cancellarlo, dimenticarlo non prima, però, di averlo condannato a perenne e dantesco ludibrio. Per anni è stato fatto oggetto di quasi settimanali denunce, uscendo tuttavia sempre assolto, con un accanimento ed una perversa passione degna di altri tempi, tipo "Inquisizione", ed ora che finalmente la "salvezza" contemporanea di tanti poveri cani è stata raggiunta, ora che la crociata è stata vinta, si cerca disperatamente come e dove sistemate tutti questi pointer, non rendendosi conto che, così facendo, si è messo in moto una specie di sciacallaggio dove molti, ma non tutti per fortuna, offrono ospitalità con il solo scopo di accaparrarsi un qualche soggetto interessante, altrimenti irraggiungibile, con fini riproduttivi e migliorativi del proprio allevamento, avvalendosi del lavoro tanto aborrito, ma tanto desiderato, di questo grande, grandissimo Allevatore. Noi Serbi che, nonostante riconosciamo abbia commesso qualche errore nella conduzione del Suo Allevamento, continuiamo ad apprezzarlo ed a stimarlo a tal punto da offrirGli ospitalità gratuita per Lui ed i Suoi pointer, mettendogli a disposizione una bella casa con qualche ettaro di terreno recintato e decorosi canili, vita naturaldurante e cioè ancora per vent'anni almeno. Forza Dottore, che passerà anche questa.

(nella skrittura non ho usato, kome abitualmente, la "k" non essendo lo skritto mio, ma soltanto di Dule kon la speranza di aver espresso, kon la dovuta kiarezza, il suo pensiero relativamente a kuanto okkorso al Dottor Guberti)   

Natalinci: 7 Gennaio 2009 - Oggi, kui in Serbia kome in tutti i paesi kon religione ortodossa, è NATALE (Bosic'), ho provato ad essere buono e tollerante, komprensivo, ma davanti a certe lettere tanto krudeli e malvage non ho saputo kontenermi ed ho deciso di pubblikane alkune perkè possiate tutti, senza distinzione di fede o di parte, vedere a kuale punto di malvagità, kattiveria e perversione  possa spingersi la mente, ma, ankor peggio, l'anima umana. Per fortuna c'è anke l'intervento di una persona kolta, intelligente, preparata e dokumentata, ke mi sento in dovere di pubblikare perkè, pur essendomi kontraria, usa termini edukati e korretti da gentiluomo e gliene sono grato.

 

----- Original Message -----
Sent: Tuesday, January 06, 2009 12:45 PM
Subject: RE: ALLEVAMENTO LAGER "DEL VENTO"

SEI SOLO UN IMBECILLE PSICOPATICO.
sparati !

 

From: Gianfranco Ferrari [mailto:info@pointer-montalerangone.it]
Sent: 06 January 2009 12:42
To: Antonella Calcagno
Subject: Re: ALLEVAMENTO LAGER "DEL VENTO"

 

Karissima Antonella, io skrivo kon la k perkè ritengo ke seplifikerebbe molto lo studio e la komprensione dfella lingua italiana e vedo ke funziona perkè anke lei è riuscita a leggermi, oppure si è fatta tradurre la mia lettera da kualkuno? No, sono konvinto, nonostante tutto, ke ci sia riuscita da sola, magari ci ha messo un po' perkè non è molto intelligente, ma devo ammettere ke è stata brava, kome siete stati bravi alle ultime elezioni, tanto bravi ed intelligenti ke non avete nemmeno un rappresentante nel nostro parlamento. Kontinuate kosi, siete sulla strada ke porta all'autanasia civile e politika ed a me ed alla maggiorparte degli italiani va bene, molto bene. Siete una specie in via di estinzione in difesa della kuale non nascerà nessuna Associazione. Se proprio non dovesse farcela a leggermi, me lo faccia sapere e le skriverò in maniera tradizionale. Mi si dice ke in Italia ci sono molti bravi psikanalisti: si faccia vedere, potrebbe farle bene e nel kaso nessuno ci riuscisse, venga in Serbia: ho un amiko ke si kiama Dragan ke è più di uno psikanalista per il sesso femminile e le farebbe passare tutte le paturnie.

----- Original Message = -----

Sent: Tuesday, January 06, 2009 10:08 AM

Subject: ALLEVAMENTO LAGER "DEL VENTO"

 

Sig. Ferrari,

Leggo ora un suo « intervento » in relazione all’Allevamento (se cosi’ si puo’ definire) di Guberti di cui le allego il testo:

Potrei ospitare qualke kane, ma non voglio perkè non intendo assekondare la Vs.superbia, la Vs.presunzione e la Vs.kattiveria nei konfronti di un uomo di ottant'anni ke, per kuesto, potrebbe morire di disperazione. Ma a Voi ke ve ne frega: è più importante un kane di un uomo, e ke uomo. Ve lo
illustrerò brevemente perkè possiate kapire a kuale allevatore state levando il sangue: se foste abbastanza kompetenti in materia e Vi prendeste la briga di aprire un kualsiasi pedigree di pointer, vedreste ke genetikamente vengono tutti, ki più e ki meno, dal glorioso Allevamento "del Vento" e ke kuindi in kuasi tutti i pointer vi è del sangue Gubertiano e perkè tutto ciò?
Se Voi foste allevatori o semplicemente appassionati di una razza e aveste una femmina e la voglia di farVi una kucciolata, andreste alla ricerka del maskio migliore ke c'è in cirkolazione, oppure no?
Vi preokkupereste forse di vedere kome è stato allevato, oppure kontrollereste soltanto kome è kostruito lo stallone, ke karattere ha, se è intelligente, se ha le karatteristike ke kuella razza deve avere, ke figli ha dato e ke blasone ha? Kuesto dovrebbe essere interessante ai fini di avere una kucciolata kome Dio komanda e ke possa darvi kuelle soddisfazioni, venatorie o agonistike, ke un kualsiasi Allevatore si auspika i propri prodotti raggiungano e perkè no, fino ad emulare il glorioso genitore "del Vento", ma nessuno c'è ankora riuscito nonostante noi diamo da mangiare ai nostri soggetti preziosi e kostosi prodotti, li alloggiamo in komode e, a volte, riskaldate kuccie, kon integratori vitaminici, latte, uova, miele, pasta, per non dimentikare le lettiere igienizzate al punto ke anke noi potremmo dormirci, cibi e giacigli ke molti immigrati ed anke molti italiani, oggi kome oggi, non possono permettersi. Ma siamo proprio certi ke kuesti sistemi di allevamento siano proprio i più adatti ed i più kongeniali ai fini di ottenere dei buoni pointer (ma potrebbe andare bene a kualsiasi razza da lavoro)?
Io sono andato spesso e "volentieri" a visitare il Dott.Guberti
e pur trovandolo persona kolta, intelligente e spassosissima, non ho mai kondiviso i Suoi metodi, sia per kome alimentava ke per kome akkudiva i Suoi kani, ma non mai avuto la certezza ke il mio metodo fosse migliore del Suo perkè non ho mai avuto i risultati ke Lui ha ottenuto affidando i Suoi soggetti ad addestratori famosi kuali Botto,Baldoni, Lombardi......ke hanno dominato in kampo agonistiko in tutta Europa e per anni, portanto sul podio più alto i kani ed i kolori italiani. Ma sono moltissimi i pointer kampioni di tutte le Nazioni Europee ke hanno nel loro sangue geni "del Vento" ed anke kuesto dovrebbe farVi riflettere e spingerVi non a dileggiare, disprezzare ed offendere il più grande Allevatore di pointer ke l'Italia e, forse, l'Europa abbiano mai avuto, esponendolo alla fin troppo facile presa del pubbliko ludibrio nazionale ed internazionale. Vergogna!

Io, ripeto, non ne kondivido i metodi, ma kome Allevatore Lo ammiro e, ankor più importante, gli porto rispetto e se "Lui" mi kiedesse di tenergli dieci, venti kani, vivendo io in Serbia, mi precipiterei a Osteria kon il mio furgone e Gli "ospiterei" kon tutto il kuore, ma kon i miei metodi, tutti i pointer ke Lui avesse la voglia di affidarmi, restituiendoglieLi allorkuando tutto sarà rientrato nella normalità, kosa ke mi auspiko e ke Gli auguro di kuore, in modo partikolare in kueste giornate ke dovrebbero essere per tutti di gioia e serenità. Ma a Voi diko NO, non voglio aiutarVi in alkun modo fino a kuando anteporrete l'esistenza di un kane, ke io amo appassionatamente, a kuella di un uomo ke io rispetto kome
maestro, per il Suo genio e la Sua kapacità di Allevatore di pointer.
ferrari gianfranko allevatore dei pointer di "Montale Rangone". »

….vorrei che rileggesse quanto ha scritto, lei ha dimostrato di essere un « malato » come Guberti, il fatto che lo ammiri dimostra la sua pochezza.Le auguro di poter soffrire le stesse pene che Guberti ha riservato ai suoi pointer, un bel metodo selettivo…..per quanto riguarda Guberti per fortuna l’età gioca a suo sfavore e ci si augura che realmente esista la legge del contrappasso.

Non le scrivo altro anche perché la sua ignoranza é talmente abissale che é stato soprannominato « MR. K »…impari a scrivere prima di cercare di esprimere le sue teorie e se ne rimanga pure in Serbia perché in Italia non la vuole proprio nessuno.

Antonella Calcagno

Proprietaria di  numerosi pointer per fortuna non del suo allevamento

----- Original Message -----
From: <VoceFuoriDalCoro@libero.it>
To: <info@pointer-montalerangone.it>
Sent: Tuesday, January 06, 2009 4:04 PM
Subject: R: Re: Re:


Vede se mi pongo in questi termini con lei lo faccio esattamente perchè¨
credo lei sia in buona fede non conoscendo altro che il RISULTATO FINALE del
metodo Guberti.
Ogni allevatore ha un obbiettivo principale, creare una genalogia resistente
e riconosciuto nei "salotti" buoni degli estimatori di questa o quella razza.
Ora passiamo ai numeri:
non è un calcolo molto difficile Ferrari, lei venga con me a Occhiobello di
Rovigo, oramai non è piu' un segreto il luogo dove i cani sono rifugiati, le
faccio vedere le cartelle cliniche di ogni singolo cane.
Tra glaucomi piu' o meno gravi, cecita  monoculare e bilaterale ( sette casi)
i deceduti all'interno del lager 5 di cui uno di leptospirosi, otocariasi
diffuso sul 90 % dei casi ( 90 % Ferrari non un 2 %) otiti purulente sul 45%
fratture di vecchia data ( almeno una 15 di cani) carcasse ( ossa) nel
cortile di casa e nel canile distaccato ( quello di Osteria intendo) per il numero
di cani presenti ( consideri anche i trentasette sequestrati in estate alla
cugina di Guberti) e l'eta  media dei cani sequestrate ( tutti i cani sono sotto gli
otto 8 anni)  il calcolo è¨ presto fatto. Posso anche darle ragione
sull'esagerazione dei miei numeri ( sono di parte ) ma non credo proprio che
Guberti negli ultimi 5 anni abbia venduto cani sopra gli 8 anni e tenuto i
giovani.La figlia del Guberti per sua stessa ammissione uccideva i cuccioli
indesiderati sbattendogli la testa nel terreno e sopratutto ( e qui chiedo a
lei)  come possa considerarsi pura una razza quando la promiscuita  in cui
vivono non lascia certezze sulla loro consanguineita  o meno.
Tutto questo io credo lei non potesse minimamente conoscerlo. Mi auguro, non
che cambi idea, ma che almeno su alcuni punti possa essere di aiuto per una
obbiettiva riflessione.
Vorrei allegare foto ma rischierei di bloccarle la posta e preferirei inviarle appena ne avrà  uno un link a cui lei possa accedere.
P.S. un link che non sia di nessun sito animalista. Io non lo sono semplicemente ho vissuto questa situazione in prima persona.
Chiorboli Marcello

----Messaggio originale----
Da: info@pointer-montalerangone.it
Data: 06/01/2009 13.53
A: <VoceFuoriDalCoro@libero.it>
Ogg: Re: Re:

Mi dica da dove le sono venuti questi dati spaventosi che sanno tanto di
deleteria propaganda. La prego: da come scrive la ritengo persona colta ed intelligente, quindi non usi questi mezzucci con me. Rispetto le Sue idee
e Le sono grato perchè¨ nei mie confronti si e espresso correttamente, da
gentiluomo e non con parole offensive come hanno fatto altri (per
l'esattezza sono tutte donne), ma non incominci ora, considerandomi
mentalmente sprovveduto. Ho settantadue anni e qualche accenno, più o meno
velato, di sclerosi, ma non mi consideri un imbecille, per favore, perchè¨ in
tal caso dovrei metterla alla pari di "quellle donnette" e mi dispiacerebbe.
Con la dovuta deferenza per Lei e per le Sue idee, non condivise.

ferrari gianfranco

----- Original Message -----
From: <VoceFuoriDalCoro@libero.it>
To: <info@pointer-montalerangone.it>
Sent: Tuesday, January 06, 2009 1:27 PM
Subject: R: Re:


Quanti ne uccide lei per fare un campione?
Guberti si stima 70 per farne uno che valesse il nome DelVento.
Dica lei quanti ne uccide per avere un campione degno di portare il nome che
ha il suio allevamento.Bhe se per lei è¨ normale per me e per una sempre più crescente e cosciente miriade di persone  non lo è.

----- Original Message -----
Sent: Tuesday, January 06, 2009 4:42 PM
Subject: maledetti allevatori

Non so se ti è arrivata la mia mail....  ma x sicurezza ...ti scrivo anche questa!!!! 
 
Ti auguro......un 2009  di Merda!!! A te e a  tutti quelli come te!!!!   Vi auguro a tutti di finire in mezzo al fango, alla mer...   ,   ai vostri escrementi ,  e dentro delle gabbie al posto dei vostri poveri cani!"!!!!      GLI   ANIMALI NON SONO OGGETTI DI VENDITA E MERCE DI SCAMBIO!!!!   sONO ESSERI VIVENTI , PURTROPPO NELLE MANI DELLA PIU'  FETENTE RAZZA DEL MONDO!!!!
 
LA ......" RAZZA UMANA"!!!!!!!!    
 
NOI  VOLONTARI,   DIAMO E DEDICHIAMO  "LA  VITA "  A GLI ANIMALI,  .... E SENZA      SCOPI DI    LUCRO.....IL NOSTRO è SOLO  "AMORE" !!!!!!    (  chi difende quel criminale   ....è pari a lui!!!)   

9 Gennaio 2009 - Un amiko di Modena mi ha mandato il testo di un artikolo apparso ieri su un giornale di grande tiratura nazionale kuale  "IL RESTO DEL CARLINO" ke io riporto integralmente per konoscenza delle persone interessate:

E’ stato depositato ieri mattina in cancelleria

«Quei cani non dovevano essere sequestrati» Presentato il ricorso

2009-01-08
PIÙ CHE un’operazione di polizia giudiziaria si è trattato «di un blitz pianificato dalla Forestale come spettacolo a uso e consumo delle televisioni», un blitz, quello agli allevamenti dei pointer di Giorgio Guberti, «in cui peraltro la Forestale si è avvalsa della collaborazione di associazioni animaliste» nel cui alveo militano anche quelle persone che ripetutamente, a fine dicembre, «hanno effettuato incursioni negli allevamenti, violando il codice penale e liberando stupidamente alcuni cani che poi hanno finito per sbranarsi fra di loro», episodi «ripetutamente denunciati da Guberti», ma senza alcun esito. E’ uno degli argomenti che l’avvocato Aldo Guerrini tradurrà nei motivi di ricorso ai giudici del riesame contro il sequestro delle strutture degli allevamenti e dei cani, il cui atto è stato depositato ieri nella cancelleria del tribunale cui seguirà, nei prossimi giorni, corposa memoria e relativa documentazione.
L’avvocato Guerrini fonda il ricorso su due aspetti, uno di forma e l’altro di merito. Dal punto di vista formale, il legale evidenzia l’irritualità della procedura seguita per il sequestro, nel senso che alle operazioni del secondo giorno, benchè sui verbali sia scritto il contrario, non era presente alcun ufficiale di polizia giudiziaria, indispensabile, per legge, per operare il sequestro, essendo presente un solo ausiliario, un veterinario. Ed è questo il motivo per cui l’avvocato Guerrini a suo tempo rifiutò di firmare i verbali evidenziando anche l’intenzione di presentare querela di falso. Dal punto di vista del merito, Guerrini contesta l’esistenza del cosiddetto ‘fumus’ del reato, quello di maltrattamento di animali. «Nei brogliacci dei veterinari nominati come ausiliari di pg dalla Forestale, sono state annotate le condizioni di salute dei cani. Ebbene, queste descrizioni, che nei brogliacci compaiono a favore dell’indagato, non evidenziandosi animali bisognosi di particolari cure o ricoveri, non sono allegate ai verbali di sequestro. Questo significa sottrarre elementi a favore della difesa, ma significa anche che ciò dimostra l’assenza dei motivi di sequestro, sia probatorio sia preventivo».
Dal punto di vista del merito, proprio avvalendosi delle valutazioni svolte dai veterinari, l’avvocato Guerrini ricava la certezza dell’assenza degli elementi che possano integrare l’ipotesi di reato di maltrattamento e, quindi, giustificare le due forme di sequestro.
Al legale preme evidenziare ancora come Guberti sia stato «letteralmente linciato dai mass media, televisivi soprattutto, senza potersi difendere, proprio in conseguenza del fatto che i giornalisti televisivi e della carta stampata erano stati avvertiti per tempo dell’imminente blitz del lunedì mattina 29 dicembre. «Ad arte sono state mostrate riprese di alcuni, gli unici, animali ammalati le cui foto già sedicenti animalisti si erano illecitamente procurati giorni prima e avevano inserito nel sito internet di Animal liberation, al solo scopo di suscitare la riprovazione dell’opinione pubblica attraverso una informazione non corretta e parziale. Insomma, abbiamo assistito a un linciaggio morale, non a un’operazione di polizia giudiziaria — prosegue il legale — e ora Guberti è anche fortemente preoccupato per la sorte dei suoi cani sequestrati e, quindi indisponibili. C’è troppo pressapochismo in queste associazioni animaliste, come evidenziano i messaggi in internet, le quali sembra ritengano quei cani come qualcosa di loro proprietà sollecitando addirittura degli affidamenti. Credo che sia opportuno che la Procura si attivi a salvaguardia, sotto tutti i profili, dei beni sequestrati non dimenticando che si tratta di animali di razza la cui funzione è anche quella riproduttiva senza ‘inquinamenti’».
Carlo Raggi

9 Gennaio 2009 - Appena mi sarà teknikamente possibile, pubblikerò la delibera kon la kuale l'Ente Nazionale della Cinofilia Italiana ha kancellato dall'elenko degli Allevatori l'Affisso "Del VENTO" del Dottor Giorgio Guberti e sospeso il Konsiglio del Pointer Club Italiano, entrambi in via kautelare ed in attesa di accertamenti più approfonditi, ma sikkome io l'ho gia letta e mi appare, per kome è formulata, più una kondanna preventiva ke una sospensione kautelare o un atto dovuto, RINUNCIO KON IMMEDIATEZZA, PER PROTESTA, ALLA TITOLARITA' DEL MIO AFFISSO ITALIANO "DI MONTALE RANGONE" - Ho gia inviato una e-mail all'ENCI kon rikiesta di annullamento della delibera kon la kuale mi era stato koncesso, kon aprovazione della Federazione Cinofila Internazionale, il suddetto Affisso, il tutto kon preghiera di pubblikare sulla rivista "I Nostri CANI", gestita dall'Ente, la mia rinuncia kon relativa motivazione.

Milano, 9 gennaio 2009

Facendo seguito al comunicato del 4 gennaio u.s., l’ENCI informa che il Comitato Esecutivo, riunitosi in data odierna, vista l’urgenza e in virtù dell’art. 16.2 dello Statuto, ha deliberato quanto segue:
  1. vagliate le informazioni ricevute circa lo stato dell’allevamento in argomento e considerato che il deferimento alla Commissione di Disciplina del Dr. Giorgio Guberti è già avvenuto in data 19 dicembre 2008, l’affisso “del Vento” del dr. Guberti viene sospeso cautelarmente in attesa della definizione dell’intera vicenda da parte delle autorità competenti;
  2. vista l’iniziativa a sostegno di metodi di allevamento inammissibili e vista la gravità della posizione assunta dal Pointer Club d’Italia, le cui dichiarazioni risultano essere in aperto contrasto con i principi e le finalità perseguite dall’ENCI, viene altresì deliberata l’apertura del procedimento di vigilanza sulla base dell’art. 23 del Regolamento di attuazione dello Statuto, ai fini di un eventuale commissariamento straordinario del sodalizio.
A tutela innanzitutto dei cani, quindi degli associati e di tutti gli allevatori cinofili l’ENCI precisa che agirà, sulla base dei poteri statutariamente conferitegli, con estrema fermezza e decisione nei confronti di tutti coloro che risultassero adottare o avere adottato iniziative d’allevamento non conformi alle disposizioni di legge e sul benessere animale, fermi restando i poteri delle autorità competenti in materia.

Il Direttore Generale
Fabrizio Crivellari

Natalinci, 15 Gennaio 2009 - kuesto è l'artikolo ke avevo preannunciato ieri apparso sul giornale "Il Resto del Carlino" nella kronaka di Ravenna

l difensori: «Gli animalisti non sanno custodirli»
MORTI QUATTRO CUCCIOLI, MOLTI ADULTI SONO AMMALATI
2009-01-13
NELLE ULTIME ORE, nel Modenese, dove erano ospitati in strutture degli animalisti, sono morti quattro cuccioli di pointer sequestrati al veterinario Giorgio Guberti, mentre molti altri cani si sono ammalati di dissenteria. «Si tratta di animali sotto sequestro, che erano in piena salute due settimane fa. Viene da chiedersi chi stia maltrattandoli» sottolinea polemicamente l’avvocato Aldo Guerrini, difensore del veterinario. E aggiunge: «Il reato contestato, il maltrattamento, è oblazionabile e così anche l’altra ipotesi di reato relativa alla ‘discarica abusiva’: bene, potremmo chiedere e ottenere l’oblazione, una piccola multa in sostanza, estinguere i reati e riottenere immediatamente i cani. Sono proprio sempre più convinto che Guberti sia stato al centro di un attacco politico-mediatico che con l’opportunità di procedere all’eventuale accertamento di un reato nulla ha a che vedere». Intanto l’Associazione italiana allevatori cinotecnici ha avviato una raccolta di fondi per la difesa di Guberti e per gli interventi sugli allevamenti di Osteria e Campiano.
L’AVVOCATO Guerrini ha acquisito ieri la documentazione relativa all’inchiesta che vedeva Guberti indagato per maltrattamenti ai propri pointer, archiviata alcuni mesi fa. La richiesta di archiviazione avanzata dal pm Gianluca Chiapponi e fatta propria dal gip, evidenzia le carenze igieniche degli allevamenti, perseguibili sotto il profilo amministrativo, e aggiunge: «Le tecniche di allevamento adottate da Guberti, seppur discutibili dal punto di vista etico, sono finalizzate all’allevamento dei pointer e al miglioramento della razza e non sono certamente ispirate da motivi di crudeltà». La richiesta di archiviazione, avanzata alla fine di dicembre del 2007, è stata accolta e firmata dal gip Corrado Schiaretti il 18 marzo del 2008. La documentazione relativa a questa inchiesta archiviata appena nove mesi fa e quella relativa alla precedente inchiesta finita con un’assoluzione in tribunale nel 2003, andranno a far parte degli allegati in vista dell’udienza che si terrà davanti al tribunale del riesame (udienza non ancora fissata) cui è stato chiesto il dissequestro dei 250 cani degli allevamenti di Osteria e Campiano.
E’ importante la consulenza del veterinario toscano Paolo Pardini incaricato dal pm Chiapponi nell’ambito dell’inchiesta archiviata perchè è di poco più di un anno fa e fotografa una situazione analoga a quella di dicembre con una sola differenza: che Pardini effettuò i sopralluoghi in piena estate, nel luglio del 2007 e invece a fine dicembre 2008 l’allevamento non poteva non risentire di un mese continuo di piogge.
SCRIVE PARDINI: «Guberti è conosciuto nel mondo come uno dei più grandi allevatori di pointers di tutti i tempi. Alleva i suoi cani con passione e dedizione e nonostante la decadenza delle strutture e la mancanza di manodopera, riesce a garantire ai suoi animali un tenore di vita più che soddisfacente. Il suo sistema di allevamento con la suddivisione dei cani per gruppi (branchi) è perfettamente coerente con l’organizzazione sociale dei canidi allo stato naturale e non causa disturbi comportamentali che possono influire sul benessere psicofisico degli animali e perciò è etologicamente corretto. Anche per quel che concerne l’alimentazione e le modalità di somministrazione, con il suo metodo riesce a mantenere vivo l’istinto naturale dei canidi selvatici nei soggetti da lui allevati.
Esaminando i gruppi di cani nel loro insieme non ho rilevato atteggiamenti di sofferenza o di maltrattamento derivanti dal sistema di allevamento. Guberti riesce a garantire condizioni ambientali e di vita compatibili con il benessere psicofisico degli animali».
IL CONSULENTE evidenzia anche come Guberti intervenga sui cani «come un super capo branco solo se le lotte gerarchiche divengono pericolose per la vita di qualche soggetto, isolando i tipi aggressivi. I suoi pointer vivono sulla terra o su lettiere di paglia dove possono scavare e manifestare tutti quegli istinti naturali che non sono concessi ai cani allevati su superfici artificiali come cemento o piastrelle». E questo anche a vantaggio dello «sviluppo scheletrico» dell’animale. Per quanto riguarda l’alimentazione, Pardini sottolinea come la fornitura di conigli o polli nè spennati nè deplumati «simulino le prede naturali che i cani possono anche sotterrare e recuperare successivamente». Una metodologia di allevamento «che ha permesso di recuperare spiccate qualità della specie che si erano perse proprio per selezioni errate».
LA CONSULENZA del veterinario Pardini smentisce anche l’affermazione fatta dalla Forestale nei verbali di sequestro di fine dicembre secondo cui verrebbe somministrato cibo in quantitativo inferiore a quello dovuto in relazione al numero di animali. Ancora Pardini evidenzia la presenza di alcuni cani vecchi o malati (gli stessi presenti anche a dicembre e le cui foto sono state diffuse dagli animalisti facendo credere che si trattasse di animali ‘maltrattati’) nei cui confronti «Guberti assolutamente non vuole procedere con l’eutanasia».

IL CONSIGLIO dell’Ordine dei Medici e Veterinari di Ravenna «valuterà gli esiti delle...

I 2009-01-14
IL CONSIGLIO dell’Ordine dei Medici e Veterinari di Ravenna «valuterà gli esiti delle indagini in corso presso l’allevamento» del veterinario Giorgio Guberti «secondo quanto di propria competenza e — reca una nota — secondo i compiti che gli sono stati attribuiti dall’ordinamento in materia disciplinare. Il Consiglio, anche in base alle rilevanze penali che saranno eventualmente accertate, valuterà le azioni da intraprendere nei confronti di Giorgio Guberti in quanto medico veterinario iscritto all’Albo provinciale e in relazione al dettato deontologico cui è sottoposto ogni iscritto».
L’Ordine dei veterinari evidenzia come «l’iscritto venne assolto da accuse analoghe nel 2003. Non competono all’Ordine valutazioni sui risvolti penali della vicenda che solo la magistratura può giudicare, benché questo ordine rilevi la mutata cornice giuridica dei fatti sia in relazione alla legge 189 del 2004 che ha modificato il codice penale dando alla fattispecie di reato di maltrattamenti caratteri più severi e penalmente più rilevanti, sia al rinnovato codice deontologico del 2007. Ciò comporta una diversa attenzione all’evoluzione dei fatti».

·         16 gennaio 2009 - 10.18 (Ultima Modifica: 16 gennaio 2009)

RAVENNA - Salgono a tredici i cuccioli di Pointer sequestrati nell'allevamento di Giorgio Guberti, morti negli ultimi giorni. Dopo la morte dei sei ospitati al Centro soccorso animali di Modena, altri sette hanno perso la vita al canile comunale di Parma dove alcuni giorni fa una persona ha lascia una cagna Pointer proveniente dall'allevamento ravennate e altri dieci cuccioli. A quanto pare altri sei cuccioli sarebbero stati abbandonati in un canile di San Marino.

 I cani, sui quali pesa il provvedimento di sequestro probatorio e preventivo, avrebbero dovuto trovarsi presso i centri dove erano stati originariamente affidati. Martedì, intanto, è previsto il riesame.

ALL’ISTITUTO zooprofilattico di Modena si è svolta ieri l’autopsia...

ALL’ISTITUTO zooprofilattico di Modena si è svolta ieri l’autopsia ai sei cuccioli di pointer sequestrati a fine dicembre nell’allevamento di Guberti e morti qualche giorno fa. Al...

2009-01-14
ALL’ISTITUTO zooprofilattico di Modena si è svolta ieri l’autopsia ai sei cuccioli di pointer sequestrati a fine dicembre nell’allevamento di Guberti e morti qualche giorno fa. All’esame autoptico era presente anche un consulente, nominato dalla difesa di Guberti, ovvero Friedrick Garnum, veterinario, il quale, sulla base dei risultati obiettivi dell’autopsia, ha concluso che la morte dei sei cuccioli è stata causata da una malattia contratta a causa del freddo sofferto negli ultimi giorni. L’autopsia era stata richiesta dalla Guardia forestale. I sei cuccioli erano in custodia — sono sotto sequestro al pari di tutti gli altri cani di Guberti — presso il Centro soccorso animali di Modena, un’associazione che gestisce diversi rifugi per i cani.
Intanto ieri mattina dall’ufficio del gip del tribunale di Ravenna sono stati notificati al difensore di Guberti, l’avvocato Aldo Guerrini, la convalida del sequestro preventivo relativo alla struttura di Osteria e un decreto di sequestro preventivo relativo alle infrastrutture di Campiano, adottato in forma autonoma dal gip Cecilia Calandra. Il giudice non aveva infatti convalidato lo stesso sequestro preventivo effettuato dalla Forestale perchè giunto in ritardo.

I SEQUESTRI, preventivi e probatori, effettuati dalla Forestale a fine dicembre vanno a sovrapporsi al sequestro amministrativo effettuato all’inizio dell’autunno dai carabinieri del Nas di Bologna. Questi avevano effettuato un sopralluogo nei due allevamenti di Guberti fra settembre e ottobre scorsi, anche sulla base di segnalazioni giunte ai loro uffici e non avevano rilevato alcuna condotta di rilevanza penale, tale cioè da giustificare l’invio di una notizia di reato alla Procura. Detto in altri termini, a ottobre i carabinieri del Nas avevano riscontrato solo carenze sotto il profilo amministrativo, ovvero di mancato adeguamento alle normative regionali in materia di allevamento di animali. All’epoca erano presenti gli stessi cani ospiti dell’allevamento a fine dicembre, quelli sani e quelli malati. Gli uomini del Nas avevano affidato allo stesso Giorgio Guberti la custodia degli animali sotto sequestro amministrativo e avevano informato il Comune perchè venissero adottati i provvedimenti del caso, ovvero lo smantellamento degli allevamenti, privi di autorizzazione. Sulla base di quella documentazione, il sindaco, il 20 dicembre ha emsso l’ordinanza di chiusura degli allevamenti, entro tre mesi. Solo pochi giorni prima il consigliere regionale di Lega Nord, Mauro Manfredini, su sollecitazione di animalisti, aveva presentato un esposto in Procura e aveva anche sollecitato un intervento del Ministro delle Politiche agricole, da cui peraltro dipende il Corpo Forestale.


ALLA VIGILIA di Natale, il 24 dicembre, si ritrovarono in Procura il comandante della Polizia Municipale, l’assessore competente Ilario Farabegoli e anche un funzionario della Forestale. I primi due intendevano informare il Procuratore delle misure adottate, il terzo invece chiedeva un decreto di perquisizione per gli allevamenti in relazione all’ipotesi di reato di maltrattamenti di animali. Decreto che fu negato in relazione alle archiviazioni precedenti. E allora la Forestale agì di iniziativa. L’ultima archiviazione — si è appreso ieri — è dell’ottobre scorso, era stata chiesta dal pm Isabella Cavallari ed era stata firmata dal gip Corrado Schiaretti, lo stesso che nel marzo del 2008 aveva firmato l’archiviazione relativa all’analoga notizia di reato a carico di Guberti per la quale il pm Gianluca Chiapponi aveva fatto svolgere una consulenza dal veterinario toscano Paolo Pardini. Consulenza che escludeva ipotesi di maltrattamenti. Il gip Schiaretti, d’altronde, è lo stesso che agli inizi del nuovo secolo impose l’imputazione coatta per l’ipotesi di maltrattamenti a carico di Guberti dando così vita al processo che si concluse, a seguito della perizia dibattimentale di un esperto, Angelo Peli, con l’assoluzione dell’imputato.


INSOMMA, nonostante un’assoluzione, due archiviazioni recentissime e un sopralluogo di due mesi prima ad opera dei carabinieri del Nas, a fine dicembre la Forestale ha effettuato il nuovo blitz. Sui sequestri dovrà esprimersi ora il tribunale del riesame. La Forestale ha affidato i cani in custodia giudiziaria alla Associazione Anta Onlus e al sindaco del Comune di Ravenna sottolineando, nel verbale di sequestro, che ciò avviene «in qualità di responsabile della tutela del benessere animale, solo in relazione all’eventuale necessità di mezzi finanziari per il sostentamento degli animali, ove il custode incaricato della gestione lo richieda». Resta però il fatto che a norma di legge, le spese di custodia dei beni sequestrati sono liquidate dall’erario con rivalsa sull’indagato qualora condannato.
Carlo Raggi

ALBERTO VERONESI, presidente dell’Associazione Allevatori cinotecnici italiani e consigliere na...

 

2009-01-14
ALBERTO VERONESI, presidente dell’Associazione Allevatori cinotecnici italiani e consigliere nazionale di FederFauna ricorda che è in corso «una raccolta di fondi per contribuire alle spese legali a tutela del veterinario Giorgio Guberti» ora finalizzate al dissequestro dei cani, per «ricoverare poi i cani in strutture diverse da quelle degli animalisti e per i necessari futuri adeguamenti» degli impianti di Campiano e Osteria anch’essi ora sotto sequestro, giudiziario e amministrativo.
L’Associazione allevatori Cinotecnici italiani — reca una nota inserita anche nel sito internet del sodalizio — «garantirà la custodia, il trasporto e la resa dei contributi ricevuti. Per informazione contattare la segreteria dell’AACI allo 051915393. L’associazione fornisce anche coordinate bancarie: IBAN IT 57 Q 05188 37120 0000000 10890, causale Pointer del Vento. Minimo obiettivo da raggiungere, evidenzia l’AACI, cinquantamila euro».

Natalinci, 20 Gennaio 2009 - Un'altra bella iniziativa, ke viene dalla Kalabria, a favore del Dottor Guberti

Mi ha appena telefonato un karissimo amiko per komunikarmi ke un konsistente numero di cinofili meridionali, una cinkuantina e forse più, andrà a fare una visita al Dott:Guberti kome gesto di solidarietà per kuanto gli è akkaduto e di stima profonda per kuanto ha fatto per il POINTER, e sarebbe bello ke tale iniziativa fosse seguita, o preceduta, da analoghe provenienti da altre parti d'Italia. Kolgo l'okkasione per informare ke, in kontemporanea kon altre lodevoli e meritorie offerte di aiuto, anke in Serbia è stata avviata una rakkolta di fondi a sostegno della kausa gubertiana, kome aiuto alle spese processuali presenti, e future per kuel ke riguarda la eventuale rikiesta di risarcimento danni, nonkè per tutte kuelle migliorie alle strutture del proprio allevamento ke il Dottore ritenesse opportuno mettere in atto. L'organizzatore di tale iniziativa è, naturalmente, il Presidente di Pointer e Setter Club Dusko Sormaz, konfidenzialmente per tutti Dule.

Natalinci, 27 Gennaio 2009 - Finalmente le pagine annunciate kualke giorno addietro:

Cani stipati in una struttura quattro volte più piccola del necessario

 

 

RAVENNA - Il Servizio Igiene degli Alimenti e produzioni zootecniche dell'Ausl di Ravenna ha inviato una segnalazione al Comando della Guardia Forestale di Ravenna nella quale sono state evidenziate delle irregolarità nella gestione dei cani sequestrati all'allevamento di Giorgio Guberti. Il documento, firmato dal responsabile Enrico Tammiso, ha evidenziato tra l'altro come i 169 cani sequestrati vivrebbero attualmente in una struttura in grado di ospitarne una quarantina.

 Il referto evidenza come gli animali siano "in buono stato di nutrizione e salute" e che i responsabili della struttura ospitante, la pensione per cani "Bau Bau Micio Micio" di Occhiobello, con l'aiuto di "numerosi volontari", stiano facendo numerosi sforzi per far fronte all'emergenza e "fornire un alloggio provvisorio accettabile".

 Alcune dei cani ospitati presenterebbero, tuttavia, una "diffusa presenza di arrossamenti alle parti distali degli arti, per ovviare alla quale sono state impartite adeguate istruzioni verbali".


Davanti ai giudici del riesame i legali criticano la Forestale

09-01-21
I GIUDICI del tribunale del riesame hanno potuto avere a disposizione, ieri mattina, un corretto e completo materiale di conoscenza sulla vicenda degli allevamenti del veterinario Giorgio Guberti. A fornirla sono stati i difensori, Giovanni Scudellari e Aldo Guerrini, desumendola dagli stessi fascicoli archiviati e depositati nell’archivio del palazzo di giustizia. «Ma altri, prima di noi — ha rilevato l’avvocato Scudellari nel suo intervento davanti ai giudici del riesame — avrebbero dovuto fornire al tribunale questa documentazione, ovvero le sentenze di assoluzione e le archiviazioni anche recentissime, le perizie e le consulenze tecniche da cui quelle sono scaturite. Prima che a voi, quella documentazione avrebbe dovuto essere offerta al gip che ha firmato i decreti di sequestro preventivo. Posso infatti ben capire che un gip, leggendo la relazione della Forestale e osservando le fotografie dei cani malati, non avrebbe potuto formularsi giudizio diverso se non quello di un caso di maltrattamento. Ma la realtà, potete constatare anche voi, giudici del riesame, è ben diversa. Quelle foto si riferiscono esclusivamente ad animali malati che Guberti non ha mai voluto sopprimere. E la prova di questo sta nella consulenza del veterinario Pardini e nelle archiviazioni conseguenti, dove lo stesso pm Chiapponi evidenzia che le foto allegate alle denunce si riferiscono sempre agli stessi animali ammalati. E così è anche in questo caso». A fornire questa documentazione al gip, va da sè, che avrebbe dovuto essere la

stessa Forestale e, subito dopo, la Procura visto che il codice di procedura penale impone al pm di raccogliere elementi di prova anche a favore dell’indagato. Elementi di prova che in questo caso sono addirittura atti della stessa magistratura. L’avvocato Scudellari è andato ancora più a fondo nella critica all’intera operazione di polizia giudiziaria e ai giudici ha detto: «Mi ha molto sorpreso l’operato della Forestale posto che ha aggirato completamente i giudicati preesistenti. Azione corretta sarebbe stata quella di una ulteriore, l’ennesima, notizia di reato: dopodiche avrebbe dovuto decidere la Procura la strada da imboccare, come sempre fatto in precedenza. Invece la Forestale ha deciso, al di fuori dell’urgenza, di mettere la magistratura davanti al fatto compiuto, il sequestro dei cani, e il loro affidamento in giro per l’Italia».
Da parte sua l’avvocato Aldo Guerrini ha evidenziato le «irregolarità commesse dalla Forestale nella procedura del sequestro, facendo addirittura precedere gli affidamenti ai sequestri e non presenziando a tutte le operazioni di sequestro, gli ufficiali di polizia giudiziaria». Il legale ha anche insistito sulla necessità che «un atto giurisdizionale ponga fine una volta per tutte allo stillicidio di denunce nei confronti dell’allevatore, posto che già è stata riconosciuta la correttezza della metodologia di allevamento». La decisione del tribunale sulla richiesta di dissequestro dei cani, che, proprio per i binari stretti imposti dai difensori difficilmente potrà entrare nel merito dell’ipotesi di reato, ma si riferirà solo a questioni, come si è visto, tecnico-giuridiche e formali, è attesa per i prossimi giorni.
Carlo Raggi

Natalinci, 29 Gennaio 2009 - ankora un importante artikolo sulla vicenda "Guberti"

L’Aaci chiede l’affidamento dei pointer di Guberti

«Attenti a non disperdere un patrimonio irripetibile»

 

2009-01-28
ALLA SEGRETERIA della Procura della repubblica è stata depositata lunedì una comunicazione da parte del legale rappresentante dell’Associazione allevatori cinotecnici italiani, Alberto Veronesi, con cui si offre la disponibilità dell’associazione a dare «adeguata accoglienza» ai 220 cani pointer sequestrati a fine dicembre dalla Forestale negli allevamenti di Campiano e Osteria, previa nomina della stessa associazione a custode giudiziale. La comunicazione è diretta al pm Daniele Barberini, titolare dell’inchiesta per l’ipotesi di reato di maltrattamento a carico del veterinario Giorgio Guberti, e al gip Cecilia Calandra. L’iniziativa di Veronesi, affidata all’avvocato modenese Umberto Rossi, scaturisce dalla «grave situazione, segnalata dal responsabile del Servizio di igiene degli alimenti e produzioni zootecniche dell’Ausl di Rovigo, Enrico Tammiso» della «struttura di Occhiobello» che accoglie 169 dei cani sequestrati.
Il presidente dell’Associazione parte da un presupposto e cioè che i cani sequestrati «sono esemplari di particolare valore zootecnico per la razza pointer italiana ed europea» tanto che «l’allevamento di Guberti è uno degli allevamenti più famosi al mondo e tra gli esemplari oggetto del sequestro vi sono campioni pluripremiati in tutti i più importanti concorsi nazionali e internazionali». Fatta tale premessa, Veronesi evidenzia come il perdurare dell’attuale situazione di disagio in cui si trovano i cani sequestrati «mette in grave pericolo» la sopravvivenza degli animali i quali, oltre ad essere ospitati in strutture «inappropriate», sono «affidati a soggetti che non dispongono delle professionalità e delle risorse necessarie a prenderne cura» posto che «i cani di razza pointer, per le loro specifiche caratteristiche etologiche, necessitano di particolari cure e professionalità». Veronesi spiega poi il motivo del proprio intervento: «L’Associazione allevatori cinotecnici italiani ha quale proprio scopo sociale e interesse primario la conservazione e la valorizzazione di tutto il patrimonio cinotecnico italiano del quale i cani di proprietà di Guberti costituiscono, per quanto riguarda la razza pointer, una parte importante e una ricchezza da salvaguardare e tutelare al meglio». Alla nota, Veronesi ha allegato documentazione da cui emerge la capacità dell’Aaci di reperire «presso i propri associati, strutture e impianti, a norme di legge, adeguati ad ospitare i cani oggetto del provvedimento di sequestro ove gli stessi potranno ricevere la necessaria assistenza veterinaria e saranno presi in cura da personale esperto nell’allevamento di cani di questa razza». L’Aaci si rende «disponibile ad ospitare i cani a proprie cure e spese per tutto il periodo del sequestro e a provvedere anche al trasporto dei cani a proprie spese».
Carlo Raggi

6 Maggio 2010 - Sabato prossimo ci saranno le elezioni per il rinnovo dei vari organi direttivi del Pointer Club d'Italia ed anche questa volta, come in occasione delle precedenti votazioni, Vi caldeggio la candidatura del Dr. PAOLO VERDIANI che annovero fra gli amici più cari ed ammiro particolarmente per la sua competenza in campo cinologico e la sua correttezza morale e professionale. Nelle ultime elezioni rimase fuori per un pugno di voti, ma questa volta, con il vostro aiuto, spero e penso che possa farcela. Fatevi sentire e dategli una preferenza anche per me che non potrò essere presente!

    13 Ottobre 2010 - Junkovac - Mio figlio dall'Italia mi ha ripristinato la posta elettronica info@pointer-montalerangone.it e quindi da oggi potete utilizzare entrambi gli indirizzi e-mail